Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 623
VITTORIA - 31/12/2011
Cronache - Le direttive del questore Barboso contro i botti di fine anno, Ragusa vieta bombette e petardi

La Guardia di Finanza toglie dal mercato 850 botti illegali

Denunciati i titolari di punti vendita per detenzione di esplodenti di quarta e quinta categoria
Foto CorrierediRagusa.it

Corsa contro il tempo per eliminare dal mercato «nero» quanti più ordigni esplosivi possono fare danno a cose e persone la notte dell’ultimo anno. La Guardia di finanza ha sequestrato in tre distinte operazioni ben 850 ordigni esplodenti del peso complessivo di 150 chilogrammi (foto) appartenente alla quarta e quinta categoria, e pertanto pericolosissimi.

Il titolare di un punto vendita è stato denunciato a piede libero alla locale autorità giudiziaria. Anche un cittadino privato è stato denunciato per detenzione illegale di materiale esplodente. Anche il titolare di un altro punto vendita al dettaglio di fuochi pirotecnici, munito di licenza di pubblica sicurezza è finito nei guai in quanto da un controllo effettuato sul prescritto registro di P.S. di carico e scarico delle merci, riscontravano l’ammanco di materiale esplodente di quarta categoria.

Le attività scaturiscono anche dagli impegni assunti nel comitato dell’ordine e sicurezza pubblica e sono direttamente connesse alle direttive di dettaglio emanate dal Questore di Ragusa Filippo Barboso.

Il sindaco di Ragusa Nello Dipasquale da parte sua ha emanato un´ordinanza con la quale si vietano i "botti" in coincidenza con la ricorrenza di S. Silvestro e Capodanno. Il sindaco si allinea così a tante altre città italiane che hanno preso la stessa inizativa sia per tutelare i cittadini ma anche per prevenire infortuni spesso gravi per l´uso indiscriminato e per niente profesisonale dei materiali esplodenti.

Tutta da verificare tuttavia l´applicazione pratica dell´ordinanza vista l´estensione del territorio e lo scarso numero di vigili urbani presenti sul territorio.