Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 565
VITTORIA - 26/12/2011
Cronache - Il clima natalizio non ferma l’inciviltà

I vandali di S. Stefano contro cassonetti e pini

Tra il 25 e 26 bruciati due cassonetti della spazzatura e tentato di abbattere un pino secolare nei pressi dell’istituto comprensivo "Primo Maggio". Il presidente dell’Amiu Spalla: "Siamo in presenza di nuovi barbari"
Foto CorrierediRagusa.it

I vandali di Santo Stefano bruciano cassonetti dell’immondizia e tentano di abbattere alberi secolari. La notte scorsa prima sono stati dati alle fiamme due cassonetti dell’immondizia, ma quel che più ha destato preoccupazione ed allarme tra i cittadini di via Ricasoli, nei pressi dell’Istituto comprensivo «I Maggio», è stato il tentativo di abbattere un pino quasi secolare (foto) che insiste nell’area destinata a verde delle palazzine. Ignoti, che il presidente Giuseppe Spalla non esita di definire «barbari«, muniti di motosega stavano per abbattere l’enorme pino. Se l’albero fosse caduto avrebbe provocato un disastro di mmense proporzioni ulle case abitate.

Gli abitanti della zona, spaventati per quanto stava per accadere, hanno immediatamente allertato la Polizia Municipale che si è recata sul posto assieme ai Vigili del fuoco e agli operai dell’Amiu. Per motivi di sicurezza l’albero è stato abbattuto.

«Siamo in presenza dell’ennesimo attacco delinquenziale – ha commentato Spalla – che vorrebbe frapporsi al nuovo corso di efficienza e legalità voluto dal sindaco Giuseppe Nicosia. I nuovi modelli gestionali si riverberano sull’Amministrazione in generale e sull’Amiu in modo particolare. E’ il segno evidente - conclude Spalla - che stiamo agendo bene e che è passato a chiare lettere il messaggio che non vi è più spazio per chi vorrebbe servirsi della pubblica amministrazione per interessi personali. La Polizia municipale ha avviato le indagini».