Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 797
VITTORIA - 21/12/2011
Cronache - Pietosa fine di un cittadino polacco in piazza Dante

Il clochard polacco Marian Pajak trovato morto a Vittoria

E’ intervenuta la Polizia su segnalazione di alcuni cittadini. E’ morto per il freddo in una notte gelida. Non aveva documenti ma solo il cellulare e poche monete d’euro
Foto CorrierediRagusa.it

Morire all’addiaccio, in una notte gelida, a 45 anni, lontano dalla terra natia, nella indifferenza e nella miseria. Un po’ per le drammatiche condizioni attuali, un po’ per scelta di vita. Questa la fine di un clochard polacco, rinvenuto cadavere ieri mattina nei pressi di piazza Dante dalla Polizia di Vittoria che è intervenuta su segnalazione di alcuni cittadini. Marian Pajak, polacco, è morto per assideramento nella notte tra il 20 e 21 dicembre.

Pajak è stato trovato riverso a terra in posizione supina. Per risalire alla identità dello sventurato polacco, la polizia ha fatto ricorso alle impronte digitali e al cellulare ancora accesso che l’uomo aveva con se’. Oltre al telefonino è stato trovato anche un borsello con pochi spiccioli, i soldi che probabilmente aveva mendicato nella giornata precedente.

Non c’erano documenti. Ad accertare la morte per assideramento, il medico legale dott. D’Iapico che ha effettuato la prima ispezione cadaverica. Adesso lo sfortunato cittadino polacco si trova nella camera mortuaria del cimitero di Vittoria in attesa che qualche parente (grazie anche all’interessamento di padre Roberto, il parroco della chiesa Madonna delle Grazie) si faccia sentire dalla Polonia.


ma
22/12/2011 | 8.56.48
giancarlo

qui viene espresso un concetto di impietosimento nei confronti dello sfortunato cittadino polacco. Ma quando questi "poveri" li troviamo di fronte, spesso, per la fretta, per la povertà delle nostre tasche in quel momento, per una difficile cultura della solidarietà "del momento" nemmeno abbiamo il tempo di considerarli......nessuno!!!