Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 656
VITTORIA - 21/11/2011
Cronache - L’episodio si verificò il 18 ottobre all’angolo fra via Mentana e via Bologna

Travolse pedone e non si fermò, denunciata conducente

La donna, al volante di una Ford senza assicurazione e posta sotto sequestro, approfitto della distrazione dell’investito per fuggire

Il 18 ottobre scorso aveva travolto un pedone sulle strisce pedonali in via Mentana e non si era fermata per prestare soccorso. Perché la vettura era senza copertura assicurativa e sotto sequestro. La Polizia stradale ha rintracciatato una donna di 30 che era al volante e l’ha denunciata alla Procura della Repubblica. Nella circostanza, l’uomo investito, 44 anni, aveva perso i sensi ed era stato trasportato in ospedale per vari traumi guaribili in pochi giorni.

Secondo la versione dei fatti fornita dalla moglie del pedone, l’investitrice prima ha chiesto se l’investito stava male, poi, in un attimo di distrazione della moglie, è andata via a forte velocità la.
Dopo pochi giorni la vittima sporgeva denuncia presso la Polizia Stradale di Vittoria che avviava le indagini sulla base delle sole due lettere iniziali della targa rilevate dalla moglie del pedone. Nella denuncia si faceva presente, inoltre, che la conducente era in compagnia di un bambino che subito dopo l’impatto stava piangendo.

Dai controlli di centinaia di targhe aventi quelle due lettere e riconducibili al mezzo usato, una Ford; gli agenti, ipotizzando anche che il bambino della conducente potesse aver sbattuto durante l’indicente procedevano a verificare presso gli ospedali se era stato ricoverato un bimbo, accertando che ciò era avvenuto quattro giorni dopo dall’incidente: la madre, nella circostanza aveva dichiarato ai medici che il figlio presentava conati di vomito da giorni.