Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:11 - Lettori online 1878
VITTORIA - 02/11/2011
Cronache - Silenzio e riserbo sulle indagini alla presunta violenza di Sugherotorto

Violenza carnale su una romena, molti gli interrogativi

Gli inquirenti attendono gli esiti della perizia medico-legale effettuata sulla giovane ventenne che ha dichiarato di essere stata stuprata da due uomini incappucciati davanti al compagno

Silenzio e riserbo sulle indagini che la Polizia sta svolgendo per scoprire i presunti autori dello stupro che sarebbe avvenuto (il condizionale comincia a diventare d´obbligo) in contrada Sugherotorto, fra Gaspanella e Scoglitti, sabato scorso.

Un episodio che è sembrato strano dall´inizio e che tiene gli inquirenti impegnati a verificare tutto nei minimi dettagli prima di esprimere un´idea definitiva circa l´accaduto. Nell´ambiente romeno c´è da stare e muoversi con i piedi di piombo: si beve alcol e si commettono stramberie senza alcuna inibizione e con estrema facilità. Un dubbio su tutti: vittime (ragazza violentata e compagno) e aggressori si conoscevano?

Gli agenti del Commissariato e la Squadra mobile attendono gli esiti delle perizie medico-legali sulla ragazza romena di 20 anni, che ha riferito d´aver subito violenza carnale completa per qualche ora da parte di due uomini incappucciati davanti al suo compagno, reso innocuo da un colpo di fucile alla gamba e poi legato e immobilizzato.

C´è qualche altra storia oltre alla tentata rapina e poi la violenza sessuale, che viene celata dai protagonisti? Interrogativi che gli inquirenti sperano di potere risolvere nel più breve tempo possibile per evitare che la vicenda di Sugherotorto possa creare più allarme sociale rispetto a quanto accaduto.

A seguito della notizia data dalla stampa, infatti, le forze politiche hanno iniziato a inviare comunicati per esprimere la solita preoccupazione e chiedere il solito potenziamento delle forze dell´ordine. Dopo la richiesta presentata dal consigliere comunale di Forza del sud, Andrea La Rosa, per la convocazione di una seduta aperta del consiglio sull´allarme ordine pubblico in città, lo stesso La Rosa presenterà inoltre una mozione, avente le stesse finalità, condivisa dai gruppi consiliari di Pdl e di «Un nuovo inizio».

«Ringrazio i consiglieri Giovanni Moscato e Andrea Nicosia del Pdl – sottolinea La Rosa –, oltre a Daniele Barrano e Salvatore Sanzone della lista "Un nuovo inizio", per avere voluto condividere con me questa lotta. È di tutta evidenza che si tratta di un fenomeno, quello dell´escalation di fatti criminali, che non possiamo più tollerare. Dobbiamo capire che cosa sta accadendo e, soprattutto, dobbiamo cercare di dare risposte alla cittadinanza. E il miglior luogo per poterlo fare, anche per indirizzare eventuali richieste alle forze dell´ordine, in primis la Prefettura, è proprio il civico consesso. Sono certo – conclude l´esponente di Fds – che le risposte che arriveranno nel corso della seduta, che senz´altro ci sarà concessa, non potranno che essere conducenti a far sì che questa situazione possa in qualche modo normalizzarsi».