Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:53 - Lettori online 1011
VITTORIA - 27/10/2011
Cronache - Da nove anni ha venduto formaggi violando le norme igienico-sanitarie

Latticini venduti per strada senza requisiti sanitari

A bordo di un furgone in spregio alle norme di legge. Ambulante gelese denunciato per guida senza patente e vendita di prodotti pericolosi per la salute Foto Corrierediragusa.it

Cacio, latte, mosche e moscerini, tutto in vendita ambulante dentro un furgone con tanto del marchio di rivendita del negozio ad Acate, ma completamente privo di assicurazione e delle più elementari regole igieniche e sanitarie. Il conducente del furgone ha venduto i latticini in questo modo facendola franca per 9 anni, fino a quando una pattuglia di Polizia stradale coordinata dal vice questore aggiunto Gaetano Di Mauro non ha fermato per un banale controllo il furgone e il conducente.

Dentro il mezzo condotto da un gelese di 48 anni residente a Vittoria, regolarmente senza patente, appartenente a un caseificio di Acate, c’era di tutto e di più. Latte privo di tracciabilità, decine di chili di formaggi vari senza certificazione di origine, ma anche mosche e moscerini. Per l’uomo, con condanne penali alle spalle, è scattata la denuncia all’autorità giudiziaria. Per beffare gli inquirenti aveva escogitato uno stratagemma del tutto singolare. E’ stato accertato che egli, essendo in possesso di due patenti, aveva sporto false denunce di smarrimento in quanto sapeva che gli sarebbe stata revocata la patente a seguito di condanna penale.

Furgone e merce sono stati posti sotto sequestro. Gli agenti hanno richiesto la collaborazione del personale del Dipartimento di Sanità veterinaria del distretto di Vittoria, con il quale procedevano alla verifica dei locali del caseificio accertando che era privo di ogni autorizzazione. Come detto, il gelese è stato denunciato per guida senza patente e di detenzione per la vendita di prodotti pericolosi per la salute.