Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 630
VITTORIA - 14/09/2011
Cronache - Nelle contrade Anguilla, Pozzo Bollente, Resinè e Sughero Torto

Fumarole plastica, denunciati 6 agricoltori a Vittoria

La Polizia municipale a caccia di serricoltori che inquinano bruciando plastica: 250 euro di multa e denuncia alla Procura della Repubblica

Sulle fumarole inquinanti si passa dalle parole ai fatti. La Polizia municipale, su direttiva del sindaco Giuseppe Nicosia e d´intesa con l´assessore Piero Gurrieri, ha effettuato una serie di controlli sul territorio comunale a tutela della salute pubblica e dell´ambiente, finalizzati al contrasto ed alla repressione dell´annoso problema delle fumarole, sempre presente nonostante le ordinanze di divieto.

Sei persone sono state sorprese mentre bruciavano notevoli quantità di rifiuti agricoli tra le serre; alle stesse è stata immediatamente contestata la violazione dell´ordinanza sindacale n. 31 del 2011 che prevede una sanzione amministrativa di 250 euro e l´eventuale segnalazione all´autorità giudiziaria nel caso in cui i rifiuti bruciati siano nocivi. Due fumarole sono state individuate in contrada Anguilla, altre due in contrada Pozzo Bollente, una in contrada Resinè e l´altra a Sughero Torto.

«La Polizia municipale ha per le tematiche ambientali la stessa attenzione che pone per l´osservanza delle norme del Codice della strada – ha sottolineato il comandante Cosimo Costa –. Da tempo avevamo accentuato i controlli e, nel weekend appena trascorso, abbiamo dato risposte in termini repressivi che si integrano con l´attività di prevenzione. Un´attività in linea con le indicazioni del sindaco, che ha disposto di mettere la parola fine ad una piaga che affligge questo territorio da decenni, con la bruciatura, nei peggiori casi, della plastica dismessa dalle serre».