Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 740
VITTORIA - 01/08/2011
Cronache - Piena luce sulle rapine compiute a Vittoria tra il 2010 e il 2011

Nuovo arresto per Barrera, rapinò anche Unicredit

Il comisano, residente a Vittoria, è già detenuto per la precedente rapina a Comiso; l’ultimo colpo aveva fruttato "20 euro"
Foto CorrierediRagusa.it

Un’ordinanza di custodia cautelare in carcere è stata notificata Salvatore Barrera (foto), pluripregiudicato comisano di 30 anni, residente a Vittoria. L’ordinanza è stata emessa dal Gip del Tribunale di Ragusa che ha accolto la richiesta del sostituto procuratore Marco Rota. Barrara è ritenuto responsabile di una rapina aggravata alla banca Unicredit di Vittoria compiuta il 24 novembre 2010, quando, dietro la minaccia di un taglierino, si fece consegnare 20 euro per poi darsi a precipitosa fuga. L’ordinanza è stata notificata all’indagato in carcere in quanto lo stesso è già stato colpito da altra ordinanza di custodia cautelare eseguita il 27 maggio scorso in quanto ritenuto responsabile di una rapina perpetrata il precedente 4 maggio in una banca di Comiso. Con l’ordinanza nei confronti di Barrera, si chiude il cerchio su una serie di rapine avvenute a Vittoria tra la fine del 2010 e la prima metà del 2011.

Nel marzo scorso furono tratti in arresto 4 persone ritenute responsabili di una rapina all’interno di un negozio di tabacchi di via Leopardi avvenuta nel dicembre 2010; il 14 aprile fu tratto in arresto un altro soggetto ritenuto responsabile della rapina avvenuta nel settembre 2010 all’interno di una gioielleria di Vittoria; il 27 aprile venne tratto in arresto, in flagranza di reato, un giovane vittoriese che aveva appena rapinato un esercizio commerciale di compravendita di oro; il medesimo, qualche giorno dopo, venne anche segnalato per una rapina effettuata qualche mese prima sempre all’interno dello stesso esercizio commerciale.