Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:53 - Lettori online 885
VITTORIA - 10/07/2011
Cronache - Il Commissariato di Polizia ha comunicato l’irregolarità di altri 7 trimestrali

Altri licenziamenti Amiu, i condannati via da graduatoria

In tutto sono 10 le persone che hanno dovuto lasciare il posto ad altri per avere dichiarato il falso nella domanda di partecipazione
Foto CorrierediRagusa.it

Vanno incontro al licenziamento i trimestrali Amiu con condanne passate in giudicato per associazione per delinquere di stampo mafioso e per violazione del regime di sorveglianza speciale per mafia. Ai primi 3 licenziati se se aggiungono altri 7 i cui nominativi sono stati comunicati dal Commissariato di Vittoria al Comune.

Questi 10 soggetti, nel modulo di autocertificazione per accedere alla graduatoria, avevano sostenuto di essere in possesso dei requisiti necessari previsti dal bando di concorso, con ciò dichiarando il falso in quanto tutti sono stati condannati, con sentenze passate in giudicato tra il 1997 ed il 2005, per associazione a delinquere di stampo mafioso. Della segnalazione alla Procura della Repubblica di Ragusa sono stati informati i responsabili dell’AMIU ai quali è stato chiesto di provvedere all’immediata cancellazione dei sette soggetti dalla graduatoria definitiva in quanto la loro richiesta di assunzione è basata su presupposti di illegittimità.

La graduatoria Amiu è composta di 390 nominativi dei quali è stata accolta la domanda. Sono tuttora in corso accertamenti- riferisce il Commissariato di Polizia- e le varie posizioni saranno vagliate al fine di consentire a tutti coloro che rispondono ai requisiti richiesti di ricoprire il giusto posto in graduatoria evitando atteggiamenti di prevaricazione da parte di soggetti che, in qualche modo, nel loro passato, hanno avuto a che fare con situazioni delinquenziali di matrice mafiosa e che, con false dichiarazioni, ritengano di poter ottenere il posto all’Amiu.