Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 778
VITTORIA - 12/06/2011
Cronache - In due hanno sparato contro la vetrata per sfondarla

Rapina con sparatoria nel supermercato di via R. Settimo

L’esercizio era chiuso, i malviventi hanno puntato l’arma contro il titolare che era da solo e si sono fatti consegnare circa 4 mila euro. Indagano i carabinieri

Rapina sabato sera al market Alis di via Ruggero Settimo angolo via Curtatone. Due banditi hanno fatto irruzione nel locale mentre il titolare s’apprestava a chiudere gli ultimi conteggi. In due si presentano davanti alla vetrata esterna armati, sparano 3 colpi di arma da fuoco per rompere il vetro antisfondamento, poi forzano la porta ed entrano lo stesso. Hanno il volto parzialmente coperto. Puntano direttamente verso il titolare che è alla cassa e si fanno consegnare il malloppo: più o meno 4 mila euro, che sarebbe l’incasso della giornata. Nessun testimone, nessun cliente, facilissimo uscire dalla stessa porta e far perdere le tracce in poco tempo, favoriti dall’oscurità della sera.

I militari dell’Arma hanno avviato le indagini partendo dalle testimonianze della vittima. La statura, l’abbigliamento, l’accento di quelle poche parole pronunciate per mettere paura al commerciante: elementi indispensabili per imboccare la pista giusta. Sembrerebbe che si tratti di delinquenza locale.
Non è stata la classica rapina in orario di servizio, quando le porte sono aperte e chiunque può trovare accesso facilmente. In questa circostanza il market era già chiuso, il titolare si sentiva ormai al sicuro. Invece s’è visto piombare dentro due persone che lo hanno terrorizzato prima con gli spari esterni e poi con l’arma puntata contro. Chi ha agito, comunque, sapeva bene che nel market c’erano i soldi e che il proprietario era solo. Le indagini partono anche da questa considerazione.