Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:40 - Lettori online 1482
VITTORIA - 03/05/2011
Cronache - Vittoria: lavoro notturno per i Vigili del fuoco di Ragusa e Vittoria

Panico al Bingo di Vittoria per corto circuito

I due fatti di cronaca quasi in contemporanea tra le 22 e le 23. Nella sala giochi di via P. Umberto circa 50 persone stavano giocando quando il fumo nero ha invaso la sala. A Santa croce i pompieri di Ragusa hanno tranciato le lamiere per estrarre o feriti da una Bmw

Panico nei locali della sala Bingo a Vittoria, in via Principe Umberto. Intorno alle 22, mentre nella sala giochi una cinquantina di persone erano intente a giocare, un corto circuito verificatosi all’impianto elettrico sotto il contro soffitto, ha provocato un principio d’incendio e la fuoruscita di fumo nero che ha danneggiato le pareti e il soffitto.

Il tempestivo intervento dei Vigili del fuoco del Distaccamento di Vittoria ha limitato al massimo i danni, ma la paura per le persone che erano dentro il locale e anche per gli abitanti del quartiere è stata molta. Per qualche ora i residenti della zona circostante la sala giochi sono stati attratti dalle sirene dei vigili del fuoco e delle forze dell’ordine che hanno controllato i lavori della messa in sicurezza. I locali della sala Bingo sono stati dichiarati agibili e pronti a riprendere l’attività, mentre i pompieri hanno fatto rientro in sede verso le 23.

Stato d’allerta a Santa Croce Camerina, dove a causa di un grave incidente stradale verificatosi all’altezza del market Di Meglio, due immigrati sono rimasti incastrati fra le lamiere della Bmw dentro la quale viaggiava. Uno dei due immigrati estratto dalle lamiere dai Vigili del fuoco è stato successivamente trasportato al Pronto soccorso di Vittoria. Le sue condizioni non sono in pericolo di vita.