Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 1169
VITTORIA - 11/01/2008
Cronache - Vittoria - Giovedì vicino al Centro Seia, sulla Comiso-Santa Croce

Ennesimo incidente mortale:
vittima un agricoltore vittoriese

Si tratta di Giovanni Guerrieri, 47 anni Foto Corrierediragusa.it

Vittoria funestata da un altro incidente mortale. E’ accaduto intorno alle 14,30 di giovedì, nei pressi del Centro Seia, sulla Comiso-Santa Croce Camerina. Un incidente autonomo, per malore o altri motivi. Sarà l’autopsia a stabilire come è morto Giovanni Gurrieri, 47 anni, nativo di Caltagirone ma residente a Vittoria in via Montalto.

L’uomo, un agricoltore vittoriese, è andato a sbattere contro un cordolo di cemento armato che delimita lo spiazzale del Centro Seia, sulla Comiso- Santa Croce Camerina. L’incidente è avvenuto intorno alle 14,30. Giovanni Gurrieri è deceduto qualche minuto dopo essere giunto in ospedale. Non presentava ferite esterne, il che fa pensare a un malore improvviso che abbia fatto perdere il controllo del mezzo al conducente mentre si recava a Santa Croce Camerina per motivi di lavoro.

I soccorritori hanno chiamato i Vigili del fuoco per estrarre il corpo dell’uomo incastrato nella cabina del camion e il 118 per il trasporto in ospedale. Dell’incidente si sta occupando la polizia. Da indiscrezioni s’è saputo anche che nei giorni precedenti il sinistro, Giovanni Gurrieri abbia accusato qualche malessere di natura cardiaca tanto da ricorrere alle visite sanitarie. L’esame autoptico che sarà eseguito oggi stabilirà con certezza le cause del decesso.

I Vigili del fuoco di Vittoria sono intervenuti anche per un altro sinistro autonomo sulla strada Berdia-Zafaglione, nei pressi di Scoglitti, dove un 24 enne è stato trasportato in ospedale per le ferite riportate, per fortuna non molto gravi.