Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:29 - Lettori online 1152
VITTORIA - 19/04/2011
Cronache - Vittoria: identificati dopo un rocambolesco tentativo di fuga

Tunisini in giro armati di fucile automatico a canne mozze

M.C ed R.F. 22 e 20 anni, sono stati denunciati a piede libero per detenzione illecita in concorso di armi e munizioni. Il giovane era alla guida della Punto del padre senza patente
Foto CorrierediRagusa.it

Armati a bordo di una Fiat Punto forzano durante la notte un posto di controllo della polizia, vanno a sbattere e si danno alla fuga a piedi nelle campagne di Vittoria. Poche ore dopo gli agenti identificano gli occupanti dell’utilitaria in due tunisini di 22 e 20 anni, a carico dei quali sono scattate le denunce in stato di libertà per le accuse di ricettazione, resistenza a pubblico ufficiale e detenzione illecita in concorso, di armi, munizioni ed oggetti atti ad offendere.

All’interno della Punto i poliziotti hanno rinvenuto un fucile automatico a canne mozze senza numero di matricola, il relativo munizionamento e un grosso bastone. Grazie anche alle impronte digitali sulle armi i poliziotti sono risaliti ai due tunisini, che, come accennato, erano riusciti a dileguarsi per i campi. La Punto, peraltro, risultava intesta al padre del ventiduenne, residente a Vittoria, che ne aveva denunciato il furto a Comiso.

La polizia ha ritenuto che con tale mossa l’uomo intendesse coprire qualcuno, proprio il figlio, che in compagnia di un amico connazionale, ha preso l’auto del padre, guidandola peraltro senza patente, mai conseguita. I due giovani non sono nuovi ad episodi del genere, visto che in passato, nei pressi dell’abitazione di uno di loro, era stata rinvenuta una scatola con 12 cartucce per fucile. I poliziotti stanno proseguendo le indagini per accertare cosa intendessero fare i due tunisini in giro di notte armati di fucile automatico a canne mozze.

Nella foto il fucile, le cartucce e il bastone sequestrati