Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:04 - Lettori online 1617
VITTORIA - 08/01/2008
Cronache - Vittoria - Sono stati traditi dal sistema di videosorveglianza

Rapina in tabaccheria:
arrestati i due autori

Entrambi incensurati, uno è minorenne Foto Corrierediragusa.it

Sono finiti in carcere a tempo di record i rapinatori che hanno preso di mira la tabaccheria-edicola di via Milano angolo via San Martino a Vittoria. Alle 7 la rapina a mano armata, alle 10 la polizia ha arrestato Gioacchino Lombardo e alle 14 un minore di 15 anni, R.R., nella sua abitazione di Comiso, entrambi incensurati e forse alla loro prima rapina. Le fasi del colpo che aveva fruttato 250 euro sono state immortalate dal sistema di videosorveglianza installata nella tabaccheria (nell´immagine uno dei fotogrammi).

Grazie al filmato la Polizia dei commissariati di Vittoria, Comiso e della Squadra mobile di Ragusa è arrivata a Gioacchino Lombardo, 40 anni, comisano abitante a Vittoria in via Rattazzi, e a R.R. 15 anni, comisano abitante a Comiso in via Ho Chi Min. Il primo è rinchiuso nel carcere di Ragusa, il secondo nel carcere minorile di Catania. Le sequenze del filmato mostrano l’ingresso dei rapinatori a volto scoperto. Jeans, giubbotti e berretti in testa. A un certo punto Lombardo tira fuori una pistola giocattolo senza tappo rosso da sembrare vera.

Rivolto all’edicolante pronuncia la frase "dammi i soldi o t’ammazzo". Incassano 250 euro e i banditi fuggono. Entrambi sono incensurati, forse alla prima rapina. Sono stati arrestati quasi flagranza di reato, come hanno come hanno spiegato i dirigenti del Commissariato di Vittoria e Comiso, Alfonso Capraro, il vice Emanuele Giunta e il titolare del commissariato di Comiso Rosario Amarù. La tabaccheria di via Milano quasi all’angolo di via San Martino è stata già visitata altre volte da banditi vittoriesi prima della chiusura serale. Mai alle 7 del mattino. Individuati i rapinatori, i poliziotti sono andati a caccia dei due.

Lombardo è stato acciuffato alle 10 mentre rientrava a casa. Ha tentato la fuga ma è stato immobilizzato. Il minore, invece, alle 14, direttamente nella casa di Comiso dove c’erano anche la pistola giocattolo e gli indumenti usati per la rapina. Gli inquirenti hanno sottolineato il proficuo lavoro investigativo svolto in collaborazione fra Vittoria e Comiso. "Il sistema di videosorveglianza che i commercianti di Vittoria hanno installato è migliore di quello di Comiso- ha detto il dirigente di Comiso Rosario Amarù- invito i commercianti a incrementare l’installazione delle telecamere anche a Comiso".

Gioacchino Lombardo La pistola giocattolo priva del tappo rosso utilizzata da Lombardo