Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 790
VITTORIA - 02/04/2011
Cronache - Vittoria: l’azione vandalica segue quella dei giorni scorsi

Scoglitti, vandali rovesciano cassonetti e immondizia sul lungomare Lanterna

Prima le panchette divelte e gettate sull’arenile, adesso i cassonetti dell’immondizia rovesciati sul lungomare e la spazzatura sparsa a terra dal faro a Costa fenicia. Gino Puccia: «Non ci intimidiscono, ci fanno solo lavorare il doppio»
Foto CorrierediRagusa.it

Succede a Vittoria. Senza un motivo. A due mesi dalla consultazione elettorale c’è qualcuno che prova gusto a provocare tensione e anarchia. Sabato mattina agli occhi degli operatori dell’Amiu si è presentato uno scenario squallido e ingiustificabile: decine di cassonetti erano stati rovesciati in strada, con l’immondizia sparsa sull’intera carreggiata per tutto il lungomare della Lanterna (foto), a partire dal faro sino a Costa Fenicia ed oltre. L’inqualificabile gesto, probabilmente, si collega con gli atti di vandalismo che la scorsa settimana hanno determinato la distruzione degli arredi urbani, sempre sullo stesso lungomare.

Interviene il presidente della municipalizzata Amiu Gino Puccia: «Colpire in questo modo la città ha del vergognoso. Forse qualcuno sta cercando di attuare una strategia per rovinare l’immagine della città. Noi però rispondiamo nell’unico modo che conosciamo, cioè con il lavoro! Prima delle 10, infatti, il lungomare era sistemato e spazzato, i cassonetti al loro posto e l’immondizia conferita. Approfitto dell’occasione per sottolineare come i nostri uomini e mezzi stanno lavorando, anche oggi, alacremente, alla pulizia delle spiagge, aggiungendo un tassello importante al cronoprogramma che ci siamo dato come azienda e che stiamo rispettando pedissequamente».