Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 790
VITTORIA - 21/03/2011
Cronache - Vittoria: nordafricano armato di coltello tenta di colpire anche i carabinieri

Tunisino accoltella un algerino in via Montebello

Messaudi Ben Salah, clandestino, ha ferito al rene e al polmone destro un algerino. I motivi: era stato escluso dalla comunità tunisina
Foto CorrierediRagusa.it

Un tunisino ha tentato di ammazzare un algerino. E’ stato arrestato dai Carabinieri di Vittoria. E’ successo nei pressi della moschea di via Montebello angolo Ruggero Settimo. il tunisino, Messaudi Ben Salah (foto) è stato arrestato per tentato omicidio, porto di armi da taglio e resistenza a pubblico ufficiale aggravata da uso di coltello e inosservanza dell’ordine di lasciare il territorio nazionale è il tunisino Messaudi Ben Salah.

L’episodio s’è verificato in una zona molto frequentata da nordafricani per la presenza di una moschea. Quando i militari dell’Arma sono arrivati sul posto, erano le 12,45 e Ben Salah brandiva un coltello minacciando di prendere a coltellate chiunque gli si fosse avvicinato. Poco prima aveva lesionato il rene e il polmone destro a un algerino. Appena è arrivata la pattuglia dei carabinieri, il tunisino s’è scagliato contro l’alfetta ed ha tentato di aggredire un militare. C’è stata una colluttazione nel corso della quale i carabinieri hanno avuto la meglio riuscendo a disarmare e immobilizzare il tunisino.

I motivi sembrerebbero futili. Secondo le rivelazioni dell’arrestato, fra i due nordafricani c’era stato un diverbio causato dal fatto che Ben Salah era stato escluso dalla comunità tunisina. La discussione è sfociata in una vera e propria aggressione. Il tunisino in stato di arresto per tentato omicidio. L’arma e i vestiti che indossava l’algerino, ancora sporchi di sangue e con i segni dell’accoltellamento, sono stati sequestrati. L’arrestato, inoltre, è risultato essere clandestino in quanto inadempiente al decreto d’espulsione emesso dal questore di Ragusa nel maggio del 2010.