Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 903
VITTORIA - 05/01/2008
Cronache - Vittoria - E’ dovuta intervenire la polizia per calmare gli animi

Rissa in via Pisacane:
ferite 4 persone. 2 i denunciati

Il regolamento di conti per futili motivi Foto Corrierediragusa.it

Botte da orbi in via Carlo Pisacane fra 4 persone, tutte ferite, due delle quali individuate dalla polizia e denunciate a piede libero per favoreggiamento e rissa. I denunciati sono B.G., 42 anni, e G.G., 19 anni, padre e figlio.

Nella spartizione delle botte ne hanno preso di più dei rivali e sono finiti in ospedale, giudicati guaribili in 12 e 10 giorni di prognosi. Gli altri due, feriti in maniera più leggera, si sono fatti medicare altrove senza passare dal pronto soccorso. Vengono ricercati dalla polizia.

Il regolamento di conti, per futili motivi (una questione di debiti da saldare) è avvenuto in via Carlo Pisacane all’altezza di via Neghelli. La miccia è stata una semplice parola pronunciata in modo minaccioso; da lì sono volati pugni, calci e persino bastonate che hanno colpito anche l’auto di B.G., seriamente danneggiata nella parte anteriore. Non è stato facile per gli inquirenti giungere alla verità dei fatti.

Perché i due feriti in un primo momento hanno detto ai sanitari e ai poliziotti di essersi feriti a causa di un incidente stradale. Versione apparsa subito priva di fondamento agli agenti.

I due feriti, infatti, avevano gli occhi tumefatti, ferite lacero contuse al cuoio capelluto e trauma cranico; insomma la versione dei feriti non era credibile rispetto al referto medico; sicché, messi alle strette dagli inquirenti, padre e figlio hanno dovuto ammettere che quelle ferite erano il frutto di una furibonda rissa a colpi di bastone con altri due vittoriesi che adesso vengono ricercati per lo stesso reato: favoreggiamento personale e rissa.