Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:03 - Lettori online 1464
VITTORIA - 08/03/2011
Cronache - Vittoria: identificati i presunti aggressori del romeno

Presi i due romeni che hanno rapinato il connazionale

Ianut Petreanu e Ionut Alistar, incensurati e senza fissa dimora, sono stati riconosciuti dalla vittima. Hanno adescato il connazionale, chiesto informazioni sul suo lavoro e se fosse stato pagato e poi hanno compiuto l’azione criminale
Foto CorrierediRagusa.it

Hanno un nome e un volto i presunti aggressori del romeno di 38 anni, ricoverato presso il reparto di Chirurgia del «Guzzardi» con una prognosi di 45 giorni per la frattura della mandibola e lesioni al torace. Sulla base delle testimonianze raccontate dalla vittima, i poliziotti hanno rintracciato Petronel Ianut Petreanu, 34 anni, e Ionut Alistar (foto), 26 anni, entrambi incensurati e senza fissa dimora. Sono in fermo di indiziato di reato. Il terzo complice viene attivamente ricercato. Il gip dovrà decidere entro 48 ore se convalidare il fermo e trasformarlo in arresto.

Quanto accaduto è raccapricciante per la ferocia e la brutalità dimostrata dai 3 romeni nei confronti del loro connazionale, un altro sventurato che s’era guadagnato qualche centinaio di euro per poter andare un paio di giorni in Romania.

La vittima ha raccontato di essere stata aggredita da tre suoi connazionali e rapinato di 250 euro oltre che dei documenti. L’uomo ha fornito una sommaria descrizione degli aggressori ed il solo nome di uno di loro, Ionut, con cui aveva intrattenuto un breve dialogo; nonostante la carenza di elementi, ciò ha consentito agli inquirenti coordinati dal vice questore Alfonso Capraro, di avviare i primi accertamenti su alcuni individui di nazionalità rumena e, grazie alla notevole conoscenza del territorio da parte degli agenti, una volta concentrati i sospetti su alcuni di loro, ne venivano sottoposte le immagini all’aggredito il quale riconosceva in Petreanu e in Alistar, in Ufficio e sottoposti a foto segnalamento, due dei suoi aggressori.

L’indagine ha permesso di appurare che, all’interno di un locale adibito a pizzeria, sito in contrada Macconi, Ionut Alistar aveva avvicinato il 38enne carpendone la fiducia e chiedendogli se fosse in grado di trovargli un lavoro. Entrato in confidenza, Alistar chiedeva ancora alla vittima in che condizioni lavorative fosse e se era stato pagato. In maniera ingenua, la vittima riferiva di avere i soldi per poter trascorrere qualche giorno in Romania. Qualche minuto dopo, il trentottenne usciva dal locale e veniva immediatamente aggredito dai tre soggetti, tra i quali l’adescatore, che si avventavano con particolare ferocia sull’uomo e lo colpivano con calci e pugni sottraendogli il portafogli dove erano contenuti circa 250 euro in banconote da euro 20. Durante la perquisizione, addosso a Petronel Ionut Petreanu sono state rinvenute 8 banconote da euro 20, subito restituite al legittimo proprietario in quanto ritenute provento della rapina.