Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 19:05 - Lettori online 1147
VITTORIA - 05/03/2011
Cronache - Vittoria: 4 mesi dopo la Polizia fa luce sul ferimento di un cittadino straniero

Gestore locale e 3 buttafuori denunciati per aggressione

I 4 negarono l’ingresso nel locale pubblico di contrada Lucarella e pestarono un libico (trauma cranico e ferite al cuoio capelluto) che chiedeva di entrare insieme a connazionali. I presunti autori riconosciuti dalla vittima grazie alle foto in possesso del Commissariato

Identificati e denunciati dalla Polizia di Vittoria i presunti aggressori del libico, aggressione avvenuta la sera del 21 novembre 2010 davanti all’ingresso del locale pubblico sito sulla Scoglitti –Gela. I denunciati sono il proprietario e 3 dipendenti che svolgono il ruolo di buttafuori. L’accusa è di lesioni personali aggravate nei confronti di un cittadino libico.

La sera del 21 novembre del 2010 un cittadino libico, regolare sul territorio nazionale, si recò al pronto soccorso di Vittoria per farsi medicare le ferite riportate a seguito di aggressione che gli causò trauma cranico con profonda ferita del cuoio capelluto con prognosi di dieci giorni. La Polizia di via Loi avviò le indagini partendo proprio dalla vittima. L’aggredito raccontò di essersi recato presso il locale pubblico insieme ad altri connazionali.

Secondo la versione fornita, dopo il divieto d’ingresso nel locale, quattro persone lo avrebbero aggredito e picchiato: tutti di età compresa fra i 30 e i 40. Riferimenti vaghi, ma quando gli inquirenti mostrarono al libico un album fotografico, questi ha riconosciuto senza ombra di dubbi i suoi presunti aggressori, i cui tratti coincidevano con i particolari indicanti nella denuncia. Uno degli aggressori risultava essere il titolare del locale mentre gli altri 3 svolgevano, in maniera del tutto abusiva, la funzione di buttafuori.