Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:31 - Lettori online 1386
VITTORIA - 22/02/2011
Cronache - Vittoria: grossa operazione antisofisticazione dei Carabinieri del Nas di Ragusa

Sequestrate 40 tonnellate di fitofarmaci illegali

Non solo ciliegino, anche fitofarmaci di importazione straniera. I prodotti rinvenuti presso una grossa azienda ortofrutticola vittoriese, per un valore di circa un milione di euro, partivano dalla Cina ed entravano in Italia dopo una tappa in Belgio, dal quale giungevano a bordo di camion
Foto CorrierediRagusa.it

Dopo il caso Civello, i Nas di Ragusa ritornano all’opera. Hanno sequestrato circa 40 tonnellate di prodotti fitosanitari realizzati in Cina e rivenduti in Italia sotto etichetta del made in Italy. Il valore stimato dei fitofarmaci si aggira intorno al milione di euro. Quel che è più grave, secondo quanto riferito dai militari del Nucleo antisofisticazioni, è che si tratta di prodotti altamente nocivi per la salute dell’uomo.

Un imprenditore vittoriese, G.G. è stato denunciato alla Procura della Repubblica. Secondo l’accusa, avrebbe importato fitofarmaci dalla Cina a costi «cinesi» per rivenderli a prezzi in vigore nei nostri mercati.

Alla scoperta del colossale giro di prodotti per l’agricoltura, i Nas sarebbero giunti dopo un mese di indagini coordinate dalla Procura delle Repubblica di Ragusa e dirette dal colonnello Ernesto Di Gregorio (foto). Il carico di fitofarmaci arrivava «nudo», senza alcuna etichetta dalla Cina, dopo aver fatto scalo in Belgio. Dall’Europa giungeva a Vittoria a bordo di camion. Qui veniva «vestito», cioè etichettato come prodotto fabbricato in Italia, e venduto agli agricoltori locali, che lo utilizzavano come fitofarmaci per l’agricoltura. Le indagini non sono ancora finite. I Nas cercano di individuare il giro completo della compravendita dei fitofarmaci e se vi siano coinvolti altri soggetti fino a ipotizzare il reato associativo.