Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 656
VITTORIA - 06/02/2011
Cronache - Vittoria: le cattive abitudini di molti automobilisti

Guida senza patente e assicurazione, raffica di multe

La Polizia municipale ha accertato decine di infrazione nel solo mese di gennaio. In prevalenza nordafricani e romeni, terzi i vittoriesi. Il comandante Costa: «Bisogna educare la gente al rispetto delle regole»

Circolare con la patente? Non è obbligatorio se si sa guidare. Copertura assicurativa? Revisione dei veicoli? Cintura di sicurezza? Casco protettivo? Facoltativo. Si possono rispettare oppure no, dipende dal senso civico di ognuno di noi. I magrebini, ad esempio, che viaggiano con macchine quasi da rottamare non avvertono il bisogno di spendere soldi per l’assicurazione e per la revisione. Non serve. I romeni, che preferiscono gli scooters, possibilmente senza fari e stop accesi di notte per risparmiare energia, neanche. I vittoriesi, per fortuna una certa categoria, si adeguano ai comportamenti degli stranieri.

La Polizia municipale, che sta attenzionando questi fenomeni con lo scopo di educare alla legalità e non per reprimere, ha elevato, nel primo mese di gennaio, una decina di multe per mancata copertura assicurativa e 20 sanzioni per mancata revisione del veicolo. E decine e decine di punti decurtati dalle patenti. Un fenomeno in fase di espansione? A Catania c’è di peggio, espongono un tagliando dell’assicurazione contraffatto che solo un occhio «vigile» del vigile attento può notare.

«Io non esaspererei i dati- afferma il comandante della Polizia municipale Cosimo Costa. Sono dati negativi, è vero, ma tutto sommato nella norma. I nuclei speciali del comando sono in giro per la città da mesi al fine di fare rispettare le condizioni di sicurezza. Ci sono troppe macchine vecchie in circolazione, forse per la crisi economica, i cui proprietari non ritengono di fare controllare alla scadenza perché il valore del mezzo è proprio irrisorio. Ci stiamo sforzando di far cambiare mentalità».