Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:51 - Lettori online 479
VITTORIA - 28/01/2011
Cronache - Vittoria: atti delinquenziali nei confronti di un istituto scolastico

Sos del sindaco: «Il «Fermi» assediato da delinquenti»

Giuseppe Nicosia ha scritto a Questura, Carabinieri e Guardia di finanza per chiedere più controlli nella scuola che subisce furti, minacce e angherie di ogni tipo
Foto CorrierediRagusa.it

Bande di giovinastri terrorizzano l’Istituto «Fermi» di Vittoria. La denunica è del sindaco Giuseppe Nicosia (foto). Da un po’ l’Istituto di tempo sarebbe in balia di bande di giovinastri che terrorizzano studenti, professori, personale Ata e persino i familiari degli alunni. Il sindaco si rivolge a Polizia, Carabinieri e Guardia di finanza. «Serve un controllo più capillare- scrive Nicosia- perché mi giungono notizie allarmanti sulla presenza di persone che da qualche tempo entrerebbero nei locali della scuola con atteggiamento arrogante e minaccioso e creerebbero preoccupazione tra gli studenti, i docenti e il personale Ata».

Le fonti d’informazione del sindaco sono precise e circostanziate. Riferiscono di atteggiamenti malandrineschi di giovani che agiscono non solo dentro la scuola ma anche fuori. «Vengo informato –continua Nicosia- che da alcuni giorni si stanno verificando furti e manomissioni sui motocicli e sulle autovetture parcheggiate negli spazi antistanti l’istituto. Dal momento che la situazione sta generando un comprensibile allarme anche tra le famiglie degli alunni (sono circa mille i ragazzi che frequentano il «Fermi») e che bisogna arginare il fenomeno prima che provochi conseguenze ulteriori e più gravi, chiedo di voler predisporre un maggiore controllo, al fine di restituire serenità agli operatori della scuola, agli studenti e ai genitori».