Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 12:04 - Lettori online 844
VITTORIA - 24/01/2011
Cronache - Vittoria: operazione della guardia di finanza

Sequestrati diversi quintali di fitofarmaci adulterati

E’ stato inoltre denunciato alla Procura della Repubblica di Ragusa il responsabile del deposito, anche per il reato di frode in commercio in quanto è stata dimostrata la vendita di un prodotto diverso per caratteristiche e qualità da quello dichiarato
Foto CorrierediRagusa.it

I Finanzieri di Vittoria hanno scoperto l’utilizzo di fitofarmaci adulterati e contraffatti riportanti nelle confezioni il marchio di una nota industria chimica milanese, Garmas (nella foto), ma contenenti prodotti in realtà adulterati e nocivi.

I prodotti contenuti in scatole, che riproducono il logo Garmas, non sono riconducibili alla produzione del fertilizzante da parte della medesima ditta, sia per la qualità del prodotto, che nel confezionamento, entrambi non a norma.

Ottenuti i dovuti riscontri ed individuato il sito, è stato controllato un deposito di Vittoria, dove sono stati rinvenuti circa 200 quintali di fitofarmaci adulterati e pronti per essere posti in commercio ai danni degli ignari produttori, per l’impiego nelle colture serricole. La contraffazione del prodotto è riferibile ai concimi prodotti dalla ditta di Milano, del tutto ignara dei fatti.

E’ stato inoltre denunciato alla Procura della Repubblica di Ragusa il responsabile del deposito, anche per il reato di frode in commercio in quanto è stata dimostrata la vendita di un prodotto diverso per caratteristiche e qualità da quello dichiarato.

I prodotti sequestrati, così come quelli venduti illecitamente dallo scorso anno ad oggi, potevano essere impiegati in agricoltura, con gravi ripercussioni per la salute pubblica. Sono in corso indagini per risalire ai grossisti e ai commercianti che distribuivano il prodotto sul territorio.