Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:16 - Lettori online 1027
VITTORIA - 25/11/2010
Cronache - Vittoria: il biglietto inquietante trovato nei bagni della "Giovanni XXIII" di via Milano

"Ucciderò mille bambini": paura a causa di uno squilibrato

L’uomo, un quarantenne originario di Niscemi, è stato quindi ricoverato in una struttura psichiatrica Foto Corrierediragusa.it

«Ucciderò mille bambini». Poche inquietanti parole scritte su un foglietto lasciato nei bagni della scuola elementare «Giovanni XXIII» di via Milano. La dirigente scolastica, informata dal bidello che ha trovato il messaggio minatorio, informa subito la polizia, che, in poche ore, individua l’autore. E’ uno psicolabile di 40anni, originario di Niscemi ma da tempo residente a Vittoria, già sottoposto a trattamento sanitario obbligatorio.

Tanta la paura, al punto da prendere in considerazione l’evacuazione della scuola, poi scongiurata dagli agenti, che hanno accertato l’assenza nei locali di bombe. I genitori, allarmati, hanno chiesto spiegazioni, per capire come sia possibile che un estraneo possa intrufolarsi indisturbato nei bagni di una scuola elementare.

L’uomo aveva recapitato altre copie della lettera minatoria anche in alcuni esercizi commerciali della zona, tra cui una tabaccheria, le cui immagini della telecamera interna di videosorveglianza sono state determinanti per risalire all’identità dello psicolabile. In mattinata era giunta un’altra segnalazione in commissariato, secondo cui lo stesso psicolabile avrebbe preso in ostaggio alcuni piccoli alunni. Dagli accertamenti della polizia, la segnalazione si è per fortuna rivelata infondata.

L’uomo, che vive da solo, è stato subito individuato nei pressi della sua abitazione, mentre vagava in stato confusionale. Alla vista degli agenti, il quarantenne ha cercato di aggredirli. L’uomo è stato quindi ricoverato in una struttura psichiatrica. Sono stati avvisati anche i familiari. Dell’accaduto è stata informata l’autorità giudiziaria.