Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 898
VITTORIA - 27/10/2010
Cronache - Vittoria: migliaia di denunce negli ultimi mesi

Patente e assicurazione sono un optional a Vittoria

Un autentico allarme sociale ai danni dei cittadini onesti
Foto CorrierediRagusa.it

Quando patente ed assicurazione diventano un optional. Accade soprattutto a Vittoria, dove la polizia è impegnata a contenere quella che rischia di diventare un autentico allarme sociale ai danni dei cittadini onesti. Sono migliaia le persone fermate in queste settimane alla guida di automobili e motocicli sprovvisti di copertura assicurativa. Per tutti sono scattate le denunce. I cittadini ai quali capita la sventura di avere incidenti con queste persone, difficilmente otterranno un rimborso dei danni.

E’ accaduto anche al figlio del questore di Ragusa Filippo Barboso, come raccontato proprio dal capo della polizia. Il ragazzo non ha ottenuto un euro di risarcimento, proprio perché la controparte era sprovvista di assicurazione. Come se non bastasse, in centinaia di casi si tratta di persone che non hanno mai conseguito la patente di guida o alle quali il documento è stato ritirato o sospeso per infrazioni al codice della strada. Si rendono responsabili di tali reati soprattutto soggetti già noti agli archivi delle forze dell’ordine per reati specifici, persone che delinquono per campare. Non a caso a Vittoria è concentrato circa il 70% dei sorvegliati speciali dell’intera provincia, pari ad oltre 130 soggetti.

Spesso anche i figli di queste persone, avviate al crimine quasi come scelta obbligata, si mettono alla guida delle auto senza preoccuparsi di ottenere la patente, né tanto meno di dotarsi di copertura assicurativa, provocando in alcuni casi incidenti stradali, anche gravi, come spiega il dirigente del commissariato Alfonso Capraro (nella foto), nell’ambito dell’operazione sinergica tra polizia di stato, polizia provinciale e polizia stradale portata a buon fine lo scorso fine settimana e i cui risultati sono stati illustrati nell’incontro di ieri mattina al commissariato di Modica, dov’era presente anche il questore Filippo Barboso, che ha rivolto il suo plauso ai vari corpi, sottolineando che i controlli proseguiranno nei prossimi giorni.