Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 858
VITTORIA - 30/09/2010
Cronache - Vittoria: preso di mira il locale commerciale "Oro Inn" in via Cavour, poco prima della chiusura

Rapinatore incensurato e campione di Kick boxing

Antonio Prelati s’è trovato di fronte il rapinatore con i gioielli in mano e l’ha bloccato con l’aiuto di altri passanti fino all’arrivo della Polizia. Giovanni Interlici è stato arrestato Foto Corrierediragusa.it

Non vuole fare l’eroe Antonio Prelati, ma se la rapina di via Cavour s’è conclusa con l’arresto del presunto responsabile lo si deve all´istinto di reazione che ha avuto il commerciante. Il giorno dopo sono arrivati molti elogi nei confronti di Antonio Prelati, il presidente dell’Ascom che ha bloccato, immobilizzato e fatto arrestare il rapinatore solitario Giovanni Interlici (nella foto), 20 anni. Un ragazzo incensurato, di buona famiglia, campione di Kick boxing. Da tempo Interlici ha frequentato una palestra di arti marziali a Comiso partecipando più volte a competizioni di livello nazionale.

Quando è uscito dalla gioielleria, però, s’è trovato davanti Antonio Prelati, ancora ferito dalle due rapine subite nel giro di un anno. Il commerciante ha ingaggiato una colluttazione con Interlici, che è stato bloccato anche grazie all’intervento di altre persone. Il tutto è stato immortalato dalle telecamere nei negozi poste in via Cavour.

La rapina è stata compiuta verso le 19. Interlici è entrato nella gioelleria «Oro Inn» dove c’era il figlio del titolare, un ragazzo fra i 18 e i 20 anni. Con la scusa di vedere alcune collane, Interlici ha fatto innervosire il proprietario, poi gli ha spruzzato dello spray urticante agli occhi per rubare un pannetto di gioielli e fuggire. La porta però s’è bloccata e i due sono rimasti intrappolati nella gioielleria. Il giovane proprietario s’è messo a urlare e a chiedere aiuto così forte da farsi sentire dall’esterno. Al bar di fronte c’era proprio Antonio Prelati, il quale s’è avvicinato e appena ha capito che si trattava di rapina ha bloccato il malvivente mentre stava uscendo dalla porta che nel frattempo s’era aperta.

Un paio di minuti dopo la volante della polizia è arrivata sul posto, giusto in tempo per salvare il rapinatore da un linciaggio sicuro. La gente inferocita, infatti, cercava di colpire il giovane immobilizzato. Solidarietà e gratitudine a Prelati è stata espressa da Enzo Buscema, presidente provinciale dell’Associazione gioiellieri e dal sindaco Giuseppe Nicosia.