Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 891
VITTORIA - 10/09/2010
Cronache - Vittoria: l’organizzazione criminale scoperta a Palermo

Traffico internazionale di rifiuti, coinvolta ditta di Vittoria

Le indagini hanno consentito di scoprire un’organizzazione che potrebbe essere ricondotta addirittura al super boss latitante Matteo Messina Denaro

Ci sarebbe anche una ditta di autotrasporti di Vittoria tra le 13 società indagate dalla capitaneria di porto di Palermo per traffico internazionale di rifiuti, con in primis carcasse d’auto e pezzi di ricambio usati, rottami meccanici e oli usati. Duecentomila chili di rifiuti speciali, tre autodemolizioni, per un totale di oltre 5mila metri d’estensione, e dieci rimorchi sono stati sequestrati. Le denunce sono scattate per i responsabili delle tredici società, tra trasportatori e produttori, di cui dieci siciliane, e una delle quali, come accennato, con sede a Vittoria. Il traffico illecito di rifiuti veniva condotto via mare.

L’operazione ha preso il via nel marzo scorso a Palermo, nel cui porto furono sequestrati due semirimorchi carichi ci carcasse d’auto e pezzi di ricambio usati. Le successive indagini hanno consentito di scoprire un’organizzazione, che potrebbe essere ricondotta addirittura al super boss latitante Matteo Messina Denaro, ben radicata sul territorio, con ramificazioni in Campania e in Sicilia, dove una dette società conniventi aveva sede nella provincia iblea, per la precisione a Vittoria. Il titolare è stato denunciato assieme alle altre 12 persone, che, ciascuno per le rispettive mansioni, rivestivano un ruolo ben preciso nel traffico illecito internazionale di rifiuti.