Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 645
VITTORIA - 05/08/2010
Cronache - Vittoria: panico per 11 ordigni sul tetto di una Punto. 5 famiglie fatte evacuare

Candelotti finti lasciati sopra un’auto in via Vicenza

La strada, tratto via San Martino e Como, è transennata e sotto presidio di Carabinieri, Polizia e Vigili urbani. Sono intervenuti gli artificieri della Questura di Catania che hanno accertato rimosso tutto ed eliminato il pericolo
Foto Corrierediragusa.it

Candelotti di dinamite sopra il tetto di una Fiat Punto di proprietà di un vittoriese con piccoli precedenti penali. Erano innocui, ma il panico è stato molto per gli abitanti della zona. Vittoria s’è svegliata con gli artificieri stamani e 3 strade del quartiere centro sono state transennate e rese inaccessibili per diverse ore. La zona interessata è quella fra via Vincenza tratto San Martino e Como e 5 famiglie sono state invitare a sgomberare la zona per evitare conseguenze.

Qualcuno fra le 2 e le 3 del mattino ha segnalato la presenza di alcuni candelotti poggiati sul tetto di una macchina. E ha dato l’allarme. Nel giro di pochi muniti nei pressi di piazza Senia sono arrivati le volanti di Polizia, Carabinieri e Vigili urbani che hanno provveduto a transennare la zona per impedire il passaggio a macchine e pedoni.Polizia e Carabinieri hanno accertato che sul tetto della macchina erano stati posizionati 11 oggetti cilindrici composti da cartoncino avvolto da nastro adesivo che risultavano simili ad ordigni esplosivi. I cilindri erano collegati tramite dei fili ad una piccola sveglia.

Subito dopo sono stati chiamati i Vigili del fuoco e gli artificieri provenienti dalla Questura di Catania i quali hanno proceduto a porre in sicurezza il manufatto che, comunque, è risultato essere del tutto innocuo.
Si è trattato sicuramente di un avvertimento. Sono in corso indagini per meglio chiarire i contorni della vicenda.

(nella foto, gli artificieri della Questura mentre rimuovono i candelotti)