Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 18:19 - Lettori online 867
SIRACUSA - 25/06/2011
Cronache - L’investimento di due società immobiliari maltesi con sedi operative a Noto e Modica

Villette di lusso nella Valle del Tellaro, sequestro della Gdf

Il provvedimento riguarda 300mila metri quadrati di terreno a destinazione agricola sul quale doveva essere realizzata la lottizzazione

Maxi sequestro nella Valle del Tellaro. Trecento mila metri quadrati di terreno agricolo in contrada Busulmone a poca distanza dalla villa romana del Tellaro sono stati sequestrati grazie ad un provvedimento del Gip presso il tribunale di Siracusa nel’ambito dell’inchiesta «Ritorno al Barocco».

Il terreno, infatti, nonostante risultasse a destinazione agricola e in un´area sottoposta a vincolo, era stato lottizzato dagli ex proprietari e venduto, per costruire delle unità immobiliari. I terreni sono stati acquistati da due società immobiliari maltesi con sedi operative a Noto e Modica e da altri dodici soggetti di nazionalità maltese. I proprietari hanno avviato lavori di sbancamento per realizzare nuove strade interpoderali, il tutto finalizzato alla costruzione di un grande complesso residenziale, il "Borgo Lucia", costituito da 27 villette, ognuna su due piani e con piscina.

Le costruzioni venivano presentate come rurali ma dalle indagini è emerso che tutti gli indagati poco avevano a che fare col mondo dell´agricoltura mentre sono grandi manager nel settore immobiliare. Gli uomini della Guardia di Finanza dopo otto mesi di indagini sono venuti a capo della vicenda dalla quale emerge che nonostante i chiari vincoli di destinazione agricola, così come previsto dal piano regolatore di Noto, gli indagati hanno avviato una campagna promozionale di quello che sarebbe dovuto diventare il Borgo Santa Lucia.

Mostravano ai potenziali acquirenti le riproduzione delle villette da realizzare ed indicavano le due società immobiliari maltesi, Sicily Farmhouses L.t.d. e Land Overseas Fund Plc, erano soggetti referenti per la costruzione e vendita degli immobili ed i loro agenti avevano il compito di guidare i potenziali acquirenti sui luoghi per illustrare le caretteristiche delle villette.