Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 1291
SCICLI - 02/08/2010
Cronache - Scicli: arrestato uno degli autori della rapina in banca dello scorso 5 gennaio

Preso a Taormina rapinatore della "Montepaschi" di Scicli

Il catanese è finito in manette nell’ambito dell’operazione denominata «Fermi tutti» Foto Corrierediragusa.it

E´ stato arrestato dai carabinieri di Taormina, nell’ambito dell’operazione denominata «Fermi tutti», il catanese Orazio Privitera (nella foto), 46 anni, pregiudicato con precedenti specifici. E’ ritenuto complice nella rapina commessa lo scorso 5 gennaio a Scicli all’agenzia della Monte dei Paschi di Siena. Quel giorno, un malvivente a volto scoperto, coadiuvato da un complice rimasto all’esterno, dietro minaccia di un taglierino si era fatto consegnare dagli impiegati la somma contante di 6 mila euro, fuggendo poi a piedi. Nella circostanza era stata prelevata anche una «mazzetta esplosiva macchiante».

Lo scorso 28 aprile, i Carabinieri dell’Aliquota Operativa della Compagnia di Taormina avevano proceduto al fermo dell’esecutore materiale della rapina, Francesco Ventura, anch’egli catanese, tuttora detenuto poiché raggiunto da un provvedimento cautelare notificatogli dagli stessi militari.

L’attento esame del sistema di videosorveglianza esterna della banca e la meticolosa analisi dei tabulati telefonici, corroborate da una paziente attività info-investigativa, hanno consentito ai Carabinieri di individuare nel Privitera il complice rimasto all’esterno della banca. L’arresto è avvenuto in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip del Tribunale di Modica, che ha recepito le risultanze dell’attività investigativa dei militari, coordinata dai magistrati Francesco Pulejo e Gaetano Scollo, della Procura della Repubblica di Modica, ma nella sua fase iniziale diretta da Liliana Todaro, della Procura della Repubblica di Messina. Orazio Privitera è stato rinchiuso nel Carcere di Piazza Lanza.