Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:40 - Lettori online 1335
SCICLI - 04/12/2007
Cronache - Scicli - Processo celebrato per direttissima

Condannati a sei mesi i due romeni violenti espulsi
dal Prefetto Ciliberti

La pena è stata sospesa e gli immigrati sono tornati in Romania Foto Corrierediragusa.it

Processo per direttissima a carico dei due fratelli romeni arrestati circa una settimana fa a Donnalucata dai Carabinieri per violenza e resistenza a pubblico ufficiale. Si tratta di Elvis Romeo e Liviu Viorel Rapanu, di 27 e 25 anni. Quest’ultimo era stato altresì denunciato per porto abusivo di coltello di genere vietato.

I due hanno patteggiato sei mesi di reclusione ciascuno, pena sospesa. La pena è stata concordata dall’avvocato Fabio Borrometi con il pm Diana Iemmolo. Entrambi gli imputati hanno già lasciato il territorio italiano. La conclusione del processo direttissimo dinanzi al giudice Patricia Di Marco ha difatti consentito l’attuazione del provvedimento d’espulsione deciso qualche giorno fa dal prefetto Marcello Ciliberti (nella foto), in accoglimento della proposta avanzata dai militari «in considerazione ? come riportato in una nota diramata dalla Questura ? del discutibile atteggiamento assunto dai due romeni e che ha reso la loro permanenza sul territorio nazionale incompatibile con l’ordinaria convivenza, avendo compromesso la tutela della dignità umana, dei diritti fondamentali della persona e l’incolumità pubblica».

Infatti i fratelli Rapanu, dopo aver importunato una ragazza in via Pirandello, avevano inveito contro i militari intervenuti in soccorso della giovane. Il provvedimento d’espulsione era stato eseguito dall’Ufficio immigrazione per motivi imperativi di pubblica sicurezza. I due romeni erano stati accompagnati nel centro di permanenza temporanea di Caltanissetta, in attesa del rilascio del nulla osta da parte dell’autorità giudiziaria per il successivo rimpatrio nel paese di origine, dove hanno fatto ritorno proprio ieri, subito dopo la conclusione del procedimento a loro carico celebrato con il rito direttissimo.

Liviu Viorel Rapanu Elvis Romeo Rapanu