Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:41 - Lettori online 861
SCICLI - 05/01/2010
Cronache - Scicli: i rapinatori erano a volto scoperto e armati di taglierino

Colpo in banca, in 2 prendono anche la mazzetta esplosiva

Le indagini sono condotte dai Carabinieri

A Scicli la prima settimana del nuovo anno inizia con una rapina. Ancora un episodio che, insieme agli altri di microcriminalità, di risse e di incendi dolosi, ha messo a dura prova i nervi dei cittadini di un comune ormai spaventato. Intorno le 10.30 in due a volto scoperto hanno rapinato la Monte dei Paschi di Siena di viale I Maggio a Jungi.

Il bottino è stato di 6mila euro. I ladri, con molta probabilità di fuori provincia, sono riusciti a compiere il colpo nonostante il direttore della banca avesse tentato d’impedire l’ingresso ad uno dei due. L’uomo entrato da solo nell’istituto di credito, armato di taglierino, a volto scoperto e con in testa un cappello si è fatto consegnare il denaro. Presenti in quel momento pochissime persone, che sono state invitate a restare ferme, e due impiegati ai quali è stato intimato, con taglierino alla mano, di consegnare tutti i soldi contenuti negli sportelli. Subito dopo il colpo, durato pochi minuti, i due si sono dati alla fuga facendo perdere le proprie tracce.

Una giornata fortunata per i due ladri, che, forse senza rendersene effettivamente conto, sono stati aiutati da un affollatissimo funerale nella vicina chiesa del Santissimo Salvatore e dalla fiera del mercato del martedì a Zagarone. Momenti di confusione che hanno agevolato i rapinatori nel confondersi tra la folla.

Sul posto sono intervenuti i carabinieri di Modica che hanno effettuato le indagini ed ascoltato i due impiegati. Proprio tramite la testimonianza di uno dei due bancari gli inquirenti hanno aperto una nuova pista. Ad inchiodare i due ladri potrà essere una mazzetta esplosiva contenente inchiostro colorato nascosta tra le banconote rubate. Non si esclude la partecipazione di una terza persona con il ruolo d’autista. Con quella di oggi salgono a 4 le rapine alla Monte dei Paschi di Siena che si sono registrate negli ultimi tre anni.