Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 682
SCICLI - 04/12/2009
Cronache - Scicli: le fiamme sono di natura dolosa. Forse vendette personali?

Notte di fuoco a Scicli: bruciano 2 motoape e 4 automobili

I piromani hanno agito quasi in contemporanea in quattro punti lontani l’uno dall’altro. Il sindaco Venticinque: "Chi ha agito così è un vigliacco" Foto Corrierediragusa.it

A Scicli la notte si consumano vendette personali e si regolano i conti con le auto in fiamme. Tra le 23 e l´una di questa notte sei incendi dolosi dislocati in diversi angoli della città. Bruciano motoapi, Ford Ka, Renault Tingo, Daewoo Matiz e Fiat Panda, in quattro punti lontani l’uno dall’altro. Sul posto vigili del fuoco e carabinieri che hanno da poco aperto le indagini. E’ stata una notte intensa per le forze dell’ordine intervenute da Modica.

La camionetta dei Vigili del fuoco è partita alle 23 per un incendio ad una autovettura in via San Bartolomeo. Nella stessa strada poco prima ha pero’ trovato una motoape bruciata: il fuoco, qui, è stato spento già da alcuni volontari. I vigili del fuoco hanno quindi continuato la propria corsa e poche decine di metri piu’ avanti, proprio davanti ad una palestra privata, hanno trovato un altro rogo. In fiamme una Renault Twingo di proprietà di una romana di 45 anni. Sul posto hanno subito constatato che l´incendio si era propagato anche su una Matiz parcheggiata accanto di proprietà di uno sciclitano di 56 anni. Ma gli allarmi non terminano.

Ai pompieri, dalla Centrale, è arrivata un´altra comunicazione di intervento: una motoape bruciata in via Perasso, sempre a Scicli ma di proprietà di un pensionato di 81 anni. In poco tempo si è arrivati a capire che i troppi incendi in diversi angoli della città non potevano essere gestiti da una sola pattuglia. Sul posto sono quindi arrivati i pompieri del Comando provinciale di Ragusa in supporto al distaccamento di Modica. Le chiamate d’intervento continuavano ad arrivare ed ognuna segnalava un incendio in un punto diverso della città. Una di queste ha segnalato un rogo in via Emanuele Filiberto, angolo via Colombo: qui in fiamme di nuovo una motoape.

Le fiamme si propagano ad una Ford Ka di proprietà di una signora di 70 anni, che era parcheggiata accanto. Ma non termina qui. Un ultimo incendio si è registrato sempre ai danni di una motoape parcheggiata in via Libertà: ed in questo caso, con tutte le camionette dei vigili ormai impegnate su diversi fronti della città, sono stati proprio carabinieri a domare le fiamme. Tutto è terminato all’1 di notte ma intanto la città adesso si interroga su quanto accaduto. Troppi incendi in diversi posti hanno lasciato l’amaro sapore del dolo e di una vendetta privata che si è consumata proprio questa notte.

LA DURA CONDANNA DEL SINDACO VENTICINQUE
«Ferma condanna degli atti incendiari e del gesto di vandalismo di cui è stata vittima la sede della comunità islamica». Il sindaco Giovanni Venticinque esprime il proprio biasimo per quanto accaduto.

«Ho già parlato con i vertici dell´Arma dei Carabinieri e confido nel lavoro degli inquirenti -dichiara Venticinque - e ripeto: chi ha visto qualcosa, parli. Attendiamo l´installazione della videosorveglianza in gennaio e l´elevazione a tenenza della stazione dei carabinieri, con l´implementazione del personale in servizio. Chi ha agito la scorsa notte, bruciando e devastando - conclude il primo cittadino - è un vigliacco».

NELLA FOTO SOTTO LE AUTO INCENDIATE. CLICCATECI SOPRA PER INGRANDIRLA