Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 1109
SCICLI - 03/08/2009
Cronache - Scicli: arresto eseguito in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare in carcere

Scicli: furto e ricettazione, Arrabito in manette

I Carabinieri hanno notificato il provvedimento restrittivo in carcere, dove lo sciclitano si trovava richiuso per altra causa

Furto e ricettazione. Sono i reati per i quali è stato arrestato sabato scorso dai Carabinieri della compagnia di Modica il pregiudicato sciclitano Stefano Arrabito, 47 anni. L’uomo è stato ammanettato dai militari in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare emessa dal giudice per le indagini preliminari del tribunale di Modica.

Il provvedimento restrittivo è stato notificato dai Carabinieri ad Arrabito direttamente nel carcere di Piano del Gesù a Modica Alta, dove lo sciclitano si trova rinchiuso per altra causa. Arrabito è ritenuto responsabile di numerosi furti in abitazione perpetrati a Modica, Scicli, Santa Croce Camerina e Ragusa nel periodo compreso tra gennaio e aprile 2009.

Arrabito è, altresì, ritenuto responsabile di ricettazione in quanto, al fine di procurarsi un ingiusto profitto, avrebbe acquistato o ricevuto parte della refurtiva provento di alcuni furti, perpetrati sempre lungo la fascia costiera ragusana, che non è stato possibile attribuirgli.

Si tratta di oggetti vari quali cd, un bracciale d’argento, una cassetta porta attrezzi e altro materiale ancora, che i Carabinieri trovarono all’interno dell’abitazione di Arrabito in occasione del suo arresto avvenuto lo scorso 29 aprile, quando venne sorpreso in possesso di una pistola da caccia di produzione italiana calibro 28 e completa di 59 cartucce, nonché di una pistola a piombini, modello Beretta 92, completa di caricatori e 500 piombini, entrambe provento di furto e da lui illecitamente detenute.