Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 679
SCICLI - 21/06/2009
Cronache - Scicli: l’elenco dei nomi iscritti nel registro è destinato ad allungarsi ancora

Nuovi indagati nell´inchiesta sui cani assassini del Pisciotto

Ad una svolta il sostituto procuratore Maria Mocciaro, che, nelle prossime ore, sentirà 3 amministratori di Scicli e il padre del bambino modicano sbranato vivo dai randagi lo scorso marzo
Foto CorrierediRagusa.it

Sale a venti il numero degli indagati dell’inchiesta sui cani assassini. Il sostituto procuratore Maria Mocciaro (nella foto), titolare del fascicolo, ha la scorsa settimana emesso le nuove ordinanze, recapitate in queste ultime ore al domicilio degli interessati.

Contrariamente a quanto era stato sostenuto in precedenza, non risultano iscritti nel registro degli indagati nè il sindaco di Scicli Giovanni Venticinque, nè il comandante della polizia municipale Franco Nifosì. Quest´ultimo, da noi contattato telefonicamente, ha specificato di non essersi visto notificare nessun avviso, ritenendo comunque più opportuno non rilasciare dichiarazioni in merito alla vicenda. Nifosì era stato tempo fa nominato custode giudiziale del casolare dove lo sciclitano di 64 anni Virgilio Giglio abitava assieme ad una ventina di cani. Il casolare è da oltre due mesi e mezzo sotto sequestro. Figurano invece nel lungo elenco i nomi di alcuni tecnici e dirigenti del comune sciclitano.

In origine l’inchiesta annoverava il già citato Giglio, accusato di omicidio colposo, e i due medici veterinari dell’Ausl 7 Roberto Turlà e Antonino Avola, per i quali sono prospettabili le ipotesi di reato di omissione d’atti d’ufficio e falso in atto pubblico. A questi tre nomi si sono aggiunti quello di un altro veterinario dell’azienda sanitaria e, come accennato, di funzionari e dirigenti del comune di Scicli.

L’inchiesta è ad una svolta. Già dalla prossima settimana l’elenco degli indagati potrebbe allungarsi ulteriormente. Nelle prossime ore il sostituto procuratore Mocciaro sentirà, come persone informate dei fatti, il vice sindaco ed assessore all’urbanistica Teo Gentile, l’assessore ai servizi sociali Maurizio Miceli e l’assessore all’ecologia e manutenzioni Raffaele Giannone. Gli avvisi di comparizione sono stati notificati la scorsa settimana. I tre amministratori dovranno riferire al sostituto procuratore, ciascuno per le proprie competenze, circa le misure adottate a suo tempo dal comune di Scicli in ordine all’affidamento in custodia dei venti cani a Giglio, di recente tornato in libertà dopo poco meno di tre mesi trascorsi ai domiciliari nell’abitazione paterna.

Il sostituto procuratore sentirà anche Giovanni Brafa, padre di Giuseppe, il bimbo modicano sbranato vivo da un branco di randagi quel maledetto 15 marzo, a pochi passi dal casolare di Giglio. Lo stesso branco aggredì il mattino dopo una giovane turista tedesca, sfigurandole il volto.