Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 654
SCICLI - 22/05/2009
Cronache - Scicli: l’ennesima storia scabrosa culminata in un rinvio a giudizio

Sciclitano 71enne violenta un ragazzo dopo averlo drogato

Il pensionato di Scicli avrebbe approfittato dell’amicizia con un 14enne per invitarlo a casa sua e abusare di lui

Violenta un ragazzino dopo averlo drogato e fatto ubriacare. Uno sciclitano di 71 anni è stato rinviato a giudizio per abusi sessuali dal giudice per le udienze preliminari del tribunale di Modica. L’imputato, come accennato, deve difendersi dalla pesante accusa d’aver violentato un 14enne, dopo avergli fatto assumere droghe e averlo fatto ubriacare con del vino.

Stando alle accuse, il pensionato di Scicli avrebbe approfittato dell’amicizia con il ragazzino per invitarlo a casa sua. Dopo avergli fatto fumare uno spinello a base di hascisc per stordirlo, l’imputato avrebbe altresì somministrato una generosa dose di vino per far «partire» del tutto la vittima designata e poterne abusare indisturbato. Dopo la presunta violenza, lo sciclitano avrebbe minacciato il giovane, esortandolo a non dire niente a nessuno, perché altrimenti si sarebbe arrabbiato parecchio.

Il ragazzino invece raccontò pochi giorni dopo tutto al padre, il quale si scagliò contro il presunto pedofilo. Quest’ultimo minacciò l’uomo con una pistola giocattolo priva del tappo rosso, urlandogli contro che, se si fosse ripresentato, lo avrebbe ammazzato a pistolettate. La prima udienza dinanzi al collegio penale è stata fissata al 30 settembre. Scicli continua a balzare agli onori della cronaca giudiziaria per reati di violenza sessuale su minori. Appena la scorsa settimana si era registrata la condanna a 3 anni di carcere di un 84enne accusato d’aver abusato di una bambina.