Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 396
SCICLI - 14/05/2009
Cronache - Scicli: la scabrosa vicenda oggetto del processo a porte chiuse al tribunale di Modica

84enne accusato di abusi su una bambina di 11 anni

I fatti si sarebbero verificati a Scicli il 12 agosto 2006. La presunta vittima, residente a Roma, era in vacanza con i genitori nella casa dei nonni Foto Corrierediragusa.it

Nonostante l’età avanzata, ben 84 primavere, per la pubblica accusa un imputato originario di Scicli si sarebbe reso responsabile di abusi sessuali addirittura su una bambina di 11 anni. La scabrosa vicenda è oggetto del procedimento a porte chiuse che si celebra dinanzi al Tribunale presieduto dal giudice Giovanna Scibilia.

Il presunto pedofilo è accusato dal suo stesso fratello di aver abusato, in almeno un’occasione, della piccola, dopo averla attirata con una scusa all’interno del negozio che lo sciclitano gestiva in centro. La bambina, residente a Roma, si trovava a Scicli in vacanza con i genitori, nella residenza dei nonni. Per chiarire i termini del presunto episodio di violenza sessuale, la prossima udienza sarà incentrata sul confronto tra l’imputato, il fratello, un altro testimone che avrebbe assistito ai fatti e i genitori della presunta vittima. Furono questi ultimi a denunciare i fatti, che si sarebbero verificati a Scicli il 12 agosto 2006.

La ragazzina sarebbe riuscita a sottrarsi alle particolari «attenzioni» dell’anziano, fuggendo via da negozio e tornando a casa abbastanza turbata. La verità venne a galla solo qualche giorno dopo. La cittadina è peraltro non nuova a vicende dello stesso tenore, con vittime anche ragazze in inferiorità psichica. La prossima udienza è stata fissata al 3 giugno.