Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 21 Novembre 2017 - Aggiornato alle 22:45 - Lettori online 494
SCICLI - 21/06/2017
Cronache - Entrambi i feriti sono stati trasportati all’ospedale "Maggiore" di Modica

Due incidenti stradali in 24 ore

Le loro condizioni non desterebbero eccessive preoccupazioni Foto Corrierediragusa.it

Due incidenti stradali in 24 ore lungo il litorale sciclitano. L´ultimo sinistro si è verificato poco dopo le 21 di mercoledì sulla Donnalucata-Cava d´Aliga, in contrada Arizza. I primi soccorritori hanno trovato a terra uno scooter ed il guidatore, un giovane sciclitano di 26 anni. Pochi attimi prima si era scontrato con un’auto. E’ intervenuta un’ambulanza del 118 per soccorrere lo scooterista, trasportato in codice rosso all’ospedale «Maggiore» di Modica. I medici hanno riscontrato lesioni in più parti del corpo. Le sue condizioni di salute sembrano non destare preoccupazione. Illeso il conducente della macchina. Sul posto i carabinieri. In corso di accertamento la dinamica dell’incidente.

E si trova ricoverato sempre all´ospedale "Maggiore" di Modica il 22enne coinvolto nell´incidente stradale di martedì scorso verificatosi intorno alle 19 sulla strada provinciale 39 Scicli-Donnalucata, all’altezza del bivio per Cava d’Aliga e contrada Arizza. Per cause in corso di accertamento una minicar, condotta da una ragazzina di 16 anni sciclitana, ed uno scooter guidato dal 22enne di nazionalità albanese, sono andati in collisione. La peggio è toccata allo scooterista che ha battuto in maniera violenta contro l´asfalto. Sono stati alcuni automobilisti di passaggio a dare l’allarme.

E´ arrivata un’ambulanza del 118 per soccorrere il ferito e trasportarlo, in codice rosso, al pronto soccorso dell’ospedale Maggiore di Modica dove i medici hanno riscontrato ferite e fratture in varie parti del corpo. Il ferito, sottoposto ad esami Tac, non sarebbe in pericolo di vita ma, come accennato, resta ricoverato.