Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 30 Aprile 2017 - Aggiornato alle 23:54 - Lettori online 511
SCICLI - 18/04/2017
Cronache - Danni a suppellettili e arredi arrecati nottetempo

Vandalismi nelle chiesette del Calvario a Scicli e a Gulfi

Nella chiesa rupestre scilitana tranciato il filo della corrente elettrica Foto Corrierediragusa.it

Vandali in azione anche per Pasqua. Prese di mira due chiesette dove non sono stati, per fortuna, arrecati danni ma solo manomessi infissi e suppellettili. A Scicli i vandali hanno agito alla chiesetta rupestre del Calvario (foto) che si trova sul pendio della collina della Croce. I malviventi hanno tranciato il filo dell’energia elettrica che il parroco aveva installato per tenere nella chiesetta su al colle le funzioni religiose conclusive della Settimana Santa. Don Ignazio La China ha dovuto rinunciare ad officiare i riti pasquali previsti perché senza energia elettrica è stato impossibile. Si è trattato di un gesto incomprensibile e volutamente malevolo. La chiesetta del Calvario è uno dei luoghi di attrazione che accompagna alla visita del Convento della Croce in cima al colle.

L’altro episodio delinquenziale si è registrato nella chiesetta del villaggio Gulfi, appena fuori Chiaramonte, intitolata a San Nicola. Qui ignoti sono entrati all’interno dell’oratorio e degli spogliatoi del palazzetto dello sport attiguo alla chiesetta del villaggio. Chi ha agito ha vandalizzato il sito cercando di trovare soldi ed attrezzature. Nel rompere il vetro, gli ignoti si sono procurati delle ferite. Tracce di sangue, infatti, sono state trovate sui pavimenti. Ad accorgersi del grave fatto delinquenziale sono stati i ragazzi che frequentano la chiesa di San Nicola e che, nel pomeriggio di sabato scorso, avrebbero dovuto preparare chiesa di San Nicola per la Messa pasquale. Il ferimento ha fatto desistere gli ignoti delinquenti dal portare a termine il colpo. Nonostante l’azione delinquenziale la comunità parrocchiale ha potuto svolgere le funzioni religiose regolarmente. E’ rimasto solo la grande amarezza per aver subito un atto vandalico finalizzato, presumibilmente, al furto.