Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 20 Agosto 2017 - Aggiornato alle 21:57 - Lettori online 679
SCICLI - 03/03/2017
Cronache - I carabinieri hanno colto in flagranza i 2 estorsori

Licenziata, minaccia il suo ex principale

Sono accusati di estorsione in concorso Foto Corrierediragusa.it

Non aveva accettato che il titolare dell’esercizio commerciale per cui lavorava non l’avesse riconfermata. Così, insieme al marito, avrebbe richiesto al suo ex datore di lavoro una somma di denaro consistente, che sarebbe stata pretesa come trattamento di fine rapporto, una sorta di "buonuscita". È successo a Scicli, dove una coppia di tunisini di 20 e 24 anni avrebbe anche minacciato l’esercente, intimandogli di pagare la cifra richiesta, se non avesse voluto avere "problemi". Il titolare dell’attività si è però immediatamente rivolto ai Carabinieri. I militari dell’Arma, informati che probabilmente nella serata di giovedì scorso i due coniugi si sarebbero ripresentati nell’esercizio commerciale, si sono quindi appostati all’interno del negozio. I due presunti estorsori sono stati così colti in flagrante, dopo aver minacciato il titolare e aver ricevuto i 300 euro richiesti.

A questo punto, i Carabinieri hanno immediatamente bloccato i due giovani mentre stavano uscendo dal negozio. I coniugi, entrambi già noti alle forze dell’ordine, sono infine stati dichiarati in arresto per il reato di estorsione in concorso. L’uomo si trova ora in carcere a Ragusa, mentre la donna è stata sottoposta agli arresti domiciliari.