Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 19:05 - Lettori online 1148
SCICLI - 07/08/2016
Cronache - Vittima un 58enne sciclitano

Colpisce con un bastone il suocero

All’aggressore sono stati concessi i domiciliari Foto Corrierediragusa.it

I carabinieri hanno trovato la vittima insanguinata e dolorante e, successivamente, anche il suo aggressore con gli abiti sporchi di sangue e con un bastone, pure quello con vistose tracce ematiche, utilizzato per picchiare poco prima il suocero. Sono quindi scattate le manette per lo sciclitano 40enne Gianni Raimondo, già noto per reati specifici, accusato di tentato omicidio ai danni del suocero, che ora si trova ricoverato all´ospedale Maggiore di Modica. Erano stati i vicini a segnalare sabato sera al 112 una furibonda lite nella casa della vittima, che, quando i militari sono arrivati sul posto, si stava trascinando per strada dolorante e insanguinato. Mentre intervenivano i soccorsi per prestare le prime cure al 58enne sciclitano, che presentava vistose ferite lacero contuse alla testa, i militari si sono messi alla ricerca dell´aggressore, trovandolo qualche minuto dopo alla guida della sua auto nei pressi del luogo dell´aggressione.

Come accennato, il 40enne era sporco di sangue, così come il bastone trovato dai militari sotto il sedile e utilizzato per colpire violentemente alla testa il suocero. Stando a quanto dichiarato da quest´ultimo ai carabinieri, la lite è scoppiata per futili motivi. L´aggredito se l´è cavata con una prognosi di 25 giorni per trauma cranico commotivo. Il bastone utilizzato per l´aggressione è stato sequestrato mentre per Raimondo sono scattate le manette per tentato omicidio. All´uomo sono stati dunque concessi i domiciliari.

Nella foto in alto il bastone utilizzato per l´aggressione e sequestrato dai carabinieri