Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:17 - Lettori online 844
SCICLI - 29/05/2016
Cronache - Si cercano altri 2 aggressori, pure loro minorenni

Un 16enne di Scicli picchiato a sangue da coetaneo

Pare che la violenta rissa sia scoppiata per futili motivi in piazza Italia Foto Corrierediragusa.it

Se l’è cavata con una denuncia uno dei minorenni che ha pestato a sangue un 16enne di Scicli riducendolo quasi in fin di vita. Il ragazzino, che per fortuna non è in pericolo di morte, è ora ricoverato al «Maggiore» di Modica in prognosi riservata, dopo essere stato sottoposto ad un delicato intervento chirurgico alla milza per tamponare una emorragia. Il giovane presenta evidenti lesioni costali, mentre il volto è quasi irriconoscibile a causa dei ripetuti calci e pugni che sarebbero stati sferrati senza pietà all’inerme 16enne, accerchiato in piazza Italia dal branco che non gli ha concesso scampo. Il ragazzo sabato mattina non era andato a scuola, incontrando i suoi aggressori poco distante dall’edificio scolastico. Inspiegabili al momento le ragioni dell’accaduto, ma l’ipotesi più avvalorata è quella della lite scoppiata per futili motivi. Maggiori dettagli li fornirà lo sciclitano di 16 anni individuato e denunciato alla procura per i minori di Catania per violenza personale aggravata e lesioni. La versione dell’aggressore sarà poi comparata con quella che fornirà l’aggredito, non appena quest’ultimo riprenderà conoscenza e sarà quindi in grado di rispondere alle domande degli investigatori per chiarire i contorni di questa inquietante vicenda. Intanto proseguono le ricerche degli altri aggressori, che, dopo il pestaggio, si sono dileguati.

Come accennato si tratterebbe sempre di coetanei e la loro identificazione è questione di ore. Anche per loro scatterebbe la denuncia per i medesimi reati contestati al 16enne individuato nell’immediatezza dei fatti. Pare che da tempo i bulli avessero preso di mira il loro coetaneo, vessandolo a scuola senza pietà. Sabato scorso l’epilogo violento che avrebbe potuto far registrare conseguenze ben peggiori. In queste ore sono stati sentiti anche i compagni dei protagonisti di questa assurda vicenda.