Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:28 - Lettori online 1298
SCICLI - 08/05/2016
Cronache - La Corte ha annullato le condanne

Tutti assolti nel processo Opere Pie

A distanza di 2 anni e mezzo dalla sentenza di primo grado Foto Corrierediragusa.it

Tutti assolti. A distanza di due anni e mezzo la prima sezione della Corte d’Appello di Catania (presidente Sebastiano Mignemi) ha riformato la sentenza di condanna per sette persone emessa dal Tribunale di Ragusa il 23 ottobre 2013, nel processo nato dalla gestione delle Opere Pie tra il 2005 e il 2007. La Corte d’Appello ha annullato la condanna a tre anni di reclusione e mille euro di multa ai danni di Antonino Lo Savio per abuso d’ufficio e truffa; quella a due anni per a Nicolò La Barbera; e quella ad un anno per Rosy Iacono, Alberto Lo Savio, Lucia Cappuzzello, Francesco Parisi e Silvio Galizia, tutti accusati di abuso d’ufficio. I reati sono stati in parte prescritti. Antonino Lo Savio ha incassato anche due assoluzioni per non avere commesso il fatto e perchè il fatto non sussiste. Per l’ex consigliere provinciale Silvio Galizia, che ha beneficiato dell’estinzione del reato per prescrizione, la Corte d’Appello ha fissato in sei mesi dal passaggio in giudicato della sentenza, il termine per il pagamento della provvisionale in favore della parte civile Asp 7 pari a 5 mila euro. Galizia deve anche risarcire all’Azienda sanitaria provinciale le spese per la costituzione di parte civile pari a 2 mila euro. Galizia, infatti, era stato assunto dall’ufficio personale dell’Asp il primo agosto 2009 con una delibera di mobilità.