Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:38 - Lettori online 688
SCICLI - 18/03/2016
Cronache - Operazione dei carabinieri

Marito e moglie con la droga in casa

L’uomo è stato rinchiuso nel carcere di Ragusa, la donna è ai domiciliari Foto Corrierediragusa.it

Marito e moglie con la droga in casa e nel reggiseno e con una pistola in auto. I carabinieri hanno arrestato Cristiano Cannella, 41 anni, nullafacente, e la moglie Veronica Caruso, 34 anni (nella foto con la droga e l´arma sequestrate). Sono accusati di concorso in detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio e di detenzione illegale di arma clandestina e munizioni. I carabinieri, infatti, nel corso del servizio, hanno effettuato un controllo nell’abitazione della coppia e, durante la perquisizione personale e domiciliare, i due hanno assunto un atteggiamento sospetto. Durante le operazioni di perquisizione, i militari dell’arma hanno rinvenuto, nascosto nel reggiseno della donna, un involucro in cellophane contenente sei stecchette di hashish, per un peso complessivo di circa 51 grammi, nonché, nascosto in un pensile della cucina, un bilancino elettronico di precisione per la pesatura della droga. I carabinieri hanno esteso la perquisizione anche all’autovettura dell’uomo e, nascosta sotto il tappetino passeggero, hanno rinvenuto una pistola revolver calibro 38 «Smith&Wesson», con matricola abrasa, con sei cartucce già inserite nel tamburo e pronte all’uso. I militari hanno sequestrato lo stupefacente e la pistola con il relativo munizionamento, mentre la coppia è stata condotta in caserma e dichiarata in stato di arresto.

Dopo le formalità di rito, su disposizione del sostituto procuratore di turno Gaetano Scollo, l’uomo è stato rinchiuso nel carcere di Ragusa mentre la moglie è stata sottoposta ai domiciliari. I carabinieri hanno dunque avviato le indagini per risalire alla provenienza dell’arma sequestrata, per capire l’ utilizzo che ne avrebbe fatto la coppia e per verificare se sia stata già impiegata nel compimento di altri reati. Non è neanche escluso allo stato che la coppia custodisse droga e pistola per conto terzi.