Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 14:58 - Lettori online 807
SCICLI - 06/10/2015
Cronache - Gli sviluppi delle indagini

Corsa clandestina di cavalli: 3 denunce

I responsabili devono rispondere di esercizio abusivo di attività di scommessa su competizione di animali e maltrattamenti di animali Foto Corrierediragusa.it

Sono 3 le persone denunciate dai carabinieri per organizzazione di corsa clandestina di cavalli, uno dei quali era sfuggito al controllo del fantino, seminando il panico alla periferia di Scicli in quanto imbizzarrito. Erano stati gli stessi militari ad intervenire sulla provinciale Scicli-Donnalucata poiché era stato segnalato un cavallo con il calesse, privo del fantino, che correva senza controllo lungo la strada in direzione di Scicli. L’equino era stato poi fermato in via Mormino Penna dai carabinieri e da alcuni cittadini dopo che, lungo la corsa, aveva danneggiato diverse autovetture in sosta, colpite dal calesse trascinato dall’animale, fortunatamente senza conseguenze per le persone. Le successive indagini avviate dai carabinieri hanno permesso di risalire al proprietario del cavallo e del calesse e, soprattutto, di chiarire la vicenda. I militari, infatti, hanno accertato che il calesse trainato dal cavallo, poco prima, stava partecipando ad una corsa clandestina prima di imbizzarrirsi e sfuggire al controllo del suo cavaliere. Come accennato le denunce sono scattate per tre persone, tutte di Scicli. Si tratta di M.D., 41 anni, C.M., di 40, e M.T., 29 anni. Tutti sono stati denunciati per esercizio abusivo di attività di scommessa su competizione di animali e maltrattamenti di animali. Intanto, le indagini dei carabinieri proseguono per identificare altri soggetti che hanno partecipato o, a qualsiasi titolo, erano presenti alla gara clandestina di cavalli.