Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 876
SCICLI - 23/06/2015
Cronache - La tragedia nell’azienda agricola tra Donnalucata e Playa Grande

L´estremo saluto al bimbo annegato mentre giocava

Una folla di persone addolorate nella chiesa di Santa Caterina da Siena a Donnalucata Foto Corrierediragusa.it

Un bimbo di appena 5 anni stava giocando quando, per recuperare il pallone finito in acqua, si è sporto sulla vasca per l’irrigazione dei campi precipitandoci dentro. Il piccolo Giovanni Ferro non sapeva nuotare e così un tranquillo pomeriggio di inizio estate si è trasformato in tragedia in un´azienda agricola di contrada Spinazza, tra Donnalucata e Playa Grande. Quando il nonno che cercava il nipotino si è accorto della disgrazia ha subito lanciato l’allarme. Poi la folle corsa in auto all’ospedale «Busacca» di Scicli dove i medici hanno tentato di tutto per rianimare il bambino, ma invano. La causa del decesso è l’annegamento. Una folla di parenti e amici affranti dal dolore ha preso parte ai funerali nella chiesa di Santa Caterina da Siena a Donnalucata. Il bambino avrebbe annaspato nel vano tentativo di restare a galla e questo gli avrebbe impedito di gridare in modo tale da attirare subito l’attenzione del nonno. Quando quest’ultimo si è accorto della tragedia, vedendo con orrore il corpicino galleggiare immobile in acqua, con notevole sangue freddo non si è lasciato prendere dal panico. L’uomo ha difatti subito caricato il nipotino in auto dirigendosi all’ospedale «Busacca» di Scicli. I medici si sarebbero subito accorti che la situazione era critica, in quanto pare che il bambino fosse andato in arresto cardiaco e quindi non respirava. Nonostante i tentativi di rianimazione, non c’è stato nulla da fare.

Nell’ospedale sciclitano era nel frattempo arrivata pure la madre e altri parenti in comprensibile stato di shock. Al momento della tragedia la donna si trovava al lavoro mentre il nonno stava lavorando poco distante quando si era accorto che il piccolo non era più nella sua visuale. Pochi attimi di ricerche sono stati sufficienti affinché la tragedia si compisse nell´azienda agricola che porta il nome di Paolo Ferro, zio della piccola vittima e a sua volta morto nell´ottobre 2011 ad appena 32 anni in un incidente stradale sulla Modica - Marina di Modica. Dunque 2 lutti terribili in famiglia in meno di 4 anni.