Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:44 - Lettori online 853
SCICLI - 18/06/2015
Cronache - Indagato pure il legale rappresentante di una società

Pubblicità: indagata una dirigente comunale di Scicli

L’indagine e’ scaturita dalla denuncia presentata da cinque aziende sciclitane Foto Corrierediragusa.it

La procura ha indagato una dirigente comunale di Scicli e il legale rappresentante di una società che opera nel settore della pubblicità per concorso in frode nelle pubbliche forniture. L´indagine e´ scaturita dalla denuncia presentata da cinque aziende sciclitane che avevano ritenuto ci fossero aspetti poco chiari nel bando emesso dal settore sviluppo economico dell´ente riguardo la fornitura di servizi per l´edizione 2012 del Festival Basole di Luce. Sulla vicenda e´ arrivato l´avviso di conclusione delle indagini e la richiesta di rinvio a giudizio per E.G.S., 62 anni, dirigente comunale, e F.P., sciclitano, 37 anni, che secondo la denuncia sarebbe socio di un esponente politico locale comunque non interessato dall´indagine. Il bando per la fornitura di materiale pubblicitario e sarebbe stato difficilmente appetibile per via del guadagno risicato tanto che parteciparono poche ditte mentre l´azienda indagata se lo aggiudico´ grazie ad un maggiore ribasso. Il bando, nella fattispecie, prevedeva l´affissione di manifesti in nove dei comuni siciliani inseriti nella lista Unesco di dimensioni 37x70 cm e poi brochure che dovevano avere la copertina con grammatura doppia rispetto alle pagine interne.

A conti fatti il materiale sarebbe stato molto diverso visto che le locandine risultarono di dimensione 33x48, nelle brochure la grammatura era uguale in tutte le pagine e, cosa più grave, non ci fu la completa affissione nei nove centri indicati nel bando. La dirigente, però, sulla fattura posta in pagamento aveva che trascritto la dicitura con la quale avrebbe attestato la regolare fornitura del materiale elencato nell´appalto. La donna e´ accusata anche di falsità ideologica in atto pubblico. I fatti sono ricondotti al mese di settembre del 2012. Quattro delle cinque società denuncianti hanno deciso di costituirsi parti civili tramite gli avvocati Giuseppe Pellegrino e Antonella Cassibba.