Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 19:51 - Lettori online 1229
SCICLI - 15/04/2015
Cronache - L’ente e il consiglio comunale potrebbero essere sciolti per infiltrazioni mafiose

A Scicli elezioni o commissariamento?

L’unico dato certo di questi giorni è che nella circolare per la convocazione degli adempimenti elettorali diramata dall’assessorato Scicli è inserita insieme a Ispica Foto Corrierediragusa.it

Elezioni o commissariamento? Scicli non conosce ancora la sua sorte e l´unico dato certo di questi giorni è che nella circolare per la convocazione degli adempimenti elettorali diramata dall´assessorato Scicli è inserita insieme a Ispica tra i comuni iblei dove si andrà a votare il 31 maggio. La Prefettura dal suo canto ha chiesto ai cittadini che vogliono votare di iscriversi nelle liste elettorali entro il 21 aprile. L´ultima domenica di maggio è il termine con il quale partiti, movimenti e liste civiche dovranno fare i conti per organizzarsi, per compilare le liste e presentare i loro candidati pur sapendo che nel frattempo il Consiglio dei Ministri potrebbe sciogliere il consiglio comunale e nominare i tre commissari straordinari per la gestione del comune. Una eventualità concreta, che a molti sembra quasi ineluttabile ma sulla quale non filtra alcun segnale di qualunque direzione sia. Nei giorni scorsi il Consiglio dei Ministri ha sciolto alcuni comuni in Calabria, tra cui Bagnara, per infiltrazioni mafiose, e la notizia è arrivata come un fulmine a ciel sereno.

Lo stesso potrebbe accadere per Scicli nel bel mezzo della campagna elettorale. Una possibilità che nessuno si augura ma che impedisce ancora ai partiti di entrare nel vivo della competizione. Solo il Pd ha fatto i primo passo con l´indizione delle primarie, con alcune riunioni ma nulla di più. In attesa di notizie da Roma.