Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:08 - Lettori online 1184
SCICLI - 21/02/2015
Cronache - Una scena degna di un film di Ficarra e Picone, ma è tutto vero!

Due ambulanze per soccorrere anziana e si "litiga" pure!

"Disputa" tra gli infermieri del 118 e il mezzo di soccorso dell’ospedale "Busacca" di Scicli Foto Corrierediragusa.it

Vengo anch´io, no, tu no. Sarà scappata anche una salutare risata all´anziana donna di Sampieri che, giovedì mattina, ha strabuzzato gli occhi alla vista di due ambulanze giunte davanti casa sua. In un periodo dove trovare un automezzo della sanità siciliana, in tempi celeri, sembra quasi impossibile, quello che è successo a Sampieri è degno della trama di un film di Ficarra e Picone. Il bello (o il brutto, fate voi) è che tutto è successo davvero. Ricapitoliamo. I parenti dell´anziana donna chiamano, giovedì scorso, il 118 al fine di soccorrere una donna che necessita di cure ospedialiere. Sul posto, giunge in tempi rapidi l´ambulanza del servizio 118 di Pozzallo. Dottore, infermieri, tutto fila liscio. Giunge anche la decisione di trasferire la donna presso l´ospedale «Busacca» di Scicli. Nel mentre delle operazioni, giunge un´altra ambulanza, direttamente dal «Busacca». Troppa grazia Sant´Antonio alla vista di due automezzi! "Siamo venuti prima, l´anziana donna viene con noi" dicono i primi arrivati. "No, dobbiamo andare a Scicli, quindi la signora viene con noi", sentenziano i secondi arrivati. Una discussione che sembra essere durata anche alcuni minuti. Alla fine, la salomonica decisione di trasferire la donna da Sampieri a Scicli con l´ambulanza che proveniva dal «Busacca».

Nel contempo, le due ambulanze hanno richiamato un capannello di persone davanti l´uscio dell´anziana signora, la quale ha ringraziato tutti per la premura avuta nei suoi confronti e ha chiesto agli infermieri, senza tanti giri di parole, di rimandare ad altro luogo possibili liti su futuri interventi. La donna adesso sta bene, ricoverata nel nosocomio sciclitano, e sarà dimessa nelle prossime ore.


LA GESTIONE DELLA SANITA´ IN SICILIA
21/02/2015 | 10.16.31
scarpantibus

Ecco come funziona la sanità siciliana: 41.000.000 di euro di pannoloni (cioè migliaia a testa per ogni siciliano, compresi quelli non incontinenti) e due ambulanze per una ottuagenaria, ma nessun posto in ospedale per una neonata moribonda! Il presidente della commissione sanità dell´ARS resta allibito, ma non sa di chi è la colpa: forse di chi fa solo clientelismo e se ne frega della gestione dei servizi, o no?