Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 19:51 - Lettori online 1171
SCICLI - 19/01/2015
Cronache - I militari dell’arma alla ricerca dei malintenzionati anche con l’elicottero

Ronde di volontari a Scicli contro i malviventi?

Tra le proposte dei cittadini quella di recarsi in massa in Prefettura per manifestare il proprio disagio ed il malessere che si vive Foto Corrierediragusa.it

E´ allerta nelle contrade sciclitane di San Marco, Piani, Passo, Salina, Gambacorta. I residenti sono spaventati per le incursioni notturne dei malviventi e hanno deciso di riunirsi per discutere delle misure che ognuno di loro può mettere in campo. Un incontro informale che si è tenuto sabato in un capannone di un´azienda agricola di contrada Piani, dove si sono verificati gli episodi più inquietanti. Tra le proposte quella di recarsi in massa in Prefettura per manifestare il proprio disagio ed il malessere che si vive. I residenti chiedono anche un piano straordinario per dotare le zone interessate di telecamere da sistemare agli incroci e nei punti nevralgici di tutta l´area. Qualcuno ha proposto anche delle ronde spontanee da organizzare da parte dei singoli residenti. Intanto in questi giorni si sono viste in perlustrazione macchine delle Forze dell´ordine che hanno battuto l´ampia area soprattutto nelle ore notturne, fatto che ah riportato una certa serenità all´interno delle case che al calare della sera restano sbarrate con tanto di catenacci e catene attorno ai cancello.

I carabinieri non hanno ancora identificato i malviventi, componenti del commando che, per colpire e rapinare le vittime, ricorrono al travisamento del volto ed all´uso di guanti di lattice per evitare di lasciare impronte. Un residente, per difendere la propria casa, ha imbracciato in ben due occasioni il fucile sparando in aria per spaventare i malviventi incappucciati.

Intanto proprio i carabinieri in queste ore hanno messo in campo un ampio dispositivo di rinforzo dei servizi di controllo del territorio, sulla scorta anche di quanto stabilito dal Prefetto in seno al comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica, finalizzato, in particolare, alla prevenzione e repressione dei reati predatori e, segnatamente, furti e rapine nelle abitazioni.

Numerose pattuglie dell’Arma, supportate anche da un elicottero del «12° Elinucleo Carabinieri di Catania», sono impegnate nella vigilanza dell’intero territorio di competenza mediante anche posti di controllo, specie nelle zone più isolate e di campagna al fine di individuare eventuali nascondigli utilizzati dai malviventi come base operativa con particolare riguardo alla zona di Scicli e Modica ove, nell’ultimo periodo, si sono verificati alcuni episodi criminosi.

I carabinieri stanno controllando l’intera giurisdizione non solo al fine di prevenire questa tipologia di reato ma anche per raccogliere elementi utili ad individuare gli autori degli episodi registrati fino ad oggi.
Infatti, l’intera area dello sciclitano è stata sorvolata dall’elicottero dell’Arma che ha monitorato le principali e secondarie strade di collegamento, ovvero le possibili vie di fuga in caso di reato, nonché la presenza di casolari o di qualsiasi altra struttura sospetta che, poiché potrebbero essere stati utilizzati da malviventi per nascondersi e coprirsi la fuga dopo aver commesso i reati, sono stati controllati e ispezionati con pattuglie a piedi.

I servizi di controllo del territorio, disposti dal Comandate Provinciale dell’Arma, proseguiranno nelle prossime ore, specie nell’arco notturno non solo per prevenire e reprimere ogni sorta di reato ma anche al fine di mantenere alto il livello di percezione della sicurezza da parte dei cittadini che sono invitati a collaborare chiamando il 112 laddove dovessero notare eventuali movimenti e/o persone sospette.